manunzio.it logo



Taja che è rosso


Natural + mente si può vendere ghiaccioli agli Eschimesi (!) non meno che aspirapolvere ai Tuareg (!!) e via di questo passo. A squola per chi intende che errore non è ci ha imparato che la “matematica” serve a ragionare, esclamativo pure qua ad enne Potenza: lato traslato figurato assai e fate come ve pare.
Matematica che fa ragionare: sull’ipotenusa? O su le uova che un distratto a pagamento venditore gli cascano xyz e poi infine, come Iddio vuole, porta le restanti al mercato? E perché mai: 2 + 0 fa due mentre se fate pari calcolo con la moltiplicazione (supplemento rapido dell’addizione) vi restituisce ZERO quando dovrebbe trattarsi di “non luogo a procedere”? E come mai in “matematica” si parte da 0 per arrivare a 9 e per fare 10 si dà 1+0, mentre a squola lo zero (che è contenitore vuoto) non esiste? e per farla breve vi intimano: contate le dita! Eh stamani quante esclamazioni non meno che domande, cosa che sarebbe dovuto terminare, dopo l’epoca evolutiva pisicologica a reti omologate, e invece punto esclamativo.
Ah ecco ci eravamo persi, forse. A squola anche il fattariello che i numeri (ambo terno quaterna?) sono infiniti: verso l’Infinito ed oltre, no? No perché il vizietto è occidentale aristotelico-tolemaico riveduto e scorretto, non foss’altro che la mazza, ecco, dopo espletamento funzionale per rifare ciò che vuole (pia illusione?) una seconda volta pure ha bisogno di un ciclo refrattario: il mare la spiaggia vacanze a telecomando. La mazza ecco: si deve sottolineare la topografie anatomiche precipua con i “distinguo” del caso? Eh che caso…
Panasonic che in tutto questo ci azzecca come cacio sui maccheroni va oltre. Ma un momento e come la mettemo a fulfremagine? Mo’ dicono voci di corridoio che il 4 K nun sta ‘bbene e ce vo’ er 8 K, ma su GH che però non è fulframagine ma (micro) 4/3? Ah deve aver colpito duro la smartfonagine e creato ‘na fifa blu a li produttori del reflechese: c…loro. Ancor più la fotografia è nartra cosa, e siccome semo nel cardo estivo, avessi visto mai un bel melone: prima vo’ magnate fresco fresco poi ce fate ‘na macchina fotografica, tanto che ve frega: a Cè taja che è rosso, no?

Antò fa caldo

Manunzio fotografo sin dal 1969 (ne ha viste di tutti i colori)




Digitale...all’ultima crociata

Tracimazione, esondazione, acqua alta a Venezia, mareggiate, erosione della costa…siamo in estate paisà e più metafora dell’acqua! Ora trasportate la cosa a livello di macchine fotografiche digitale: Extrema Thule Nostra Salus. Infatti sin troppo facile fare il profeta e con gli smartphone poi, via. L’arrocco finale delle CaNikon ed associate sembra già un mastio o dongione per l’ultima difesa prima della capitolazione finale.
Siché persa la guerra ai piani bassi si va verso l’alto prima della caduta degli dei: eh stamani siamo ancora di fioretto, sebbene in giro certe scimitarre, ma non divaghiamo.
Si è passati al Full frame in salsa mirror less, Olympus docet in anticipo sui tempi come sempre vedasi il cataclisma Om-1 analogico Anni Settanta secolo passato, detto “breve”: mah! E i medio formato? Poca roba se anche Hasselbald per esempio si ricicla, tanto con dorsi da azzeccare alle mitiche 500 C, che in altra salsa.
Sia come sia siamo al canto del cigno, triste solitario y final.
Ah fateci la cortesia sebbene con gli anni, mettetemi un collegamento occhio unità esterna, semmai un bel SSD che tanto fa figo, quanto al resto poi ghe pensi mi!

CFV II 50C: Our legacy, Your future

Man fotografo sin dal 1969



A buon intenditor

A volte basta uscire un pochino di lato dal sentiero del Pensiero Unico a reti omologate per scoprire, che sì, intelligenza c’è e d’altro affare pure.
E come ogni mercanzia la richiesta dell’optimum è una Chimera. Certo poi che la giostra degli acq1uisti, guidata da padri di famiglia che tengono appunto…famiglia, deve spingere verso l’infinito ed oltre in un universo rettileno o rettiliniano fate voi. Gli orientali, mattacchioni, sono per la circolarità ciclica ma non si dica a chi ha testa per spartir orecchi.
Formato fotografico, va. E se proprio l’altro giorno postavamo della Panasonic neo entry nell’empireo a nome Full frame, contrordine compagni che un Aps-C non è detto sia da meno. Siamo quattroterzisti e ancora meno (formato sensore) ma qui non è il caso. Forse.
Allora trovi chi argomenti che alla fin fine è la fotografia quel che conta: ma va! E non già dispute teologiche aizzate dai brand(y) sul viale del tramonto inseguiti dalla canea a nome smartphone. Basta ricordarlo!

Why I Am Staying with APS-C

Man fotografo sin dal 1969




U 'att mammone

Se il primo gatto non fu allora chi fu..secondo gatto non fu allora chi fu…il terzo gatto non fu allora chi fu…Il ritmo tarantolato. Perché? Beh perché siamo oltre il Bene & Male aldilà di ogni cosa: trionfo del Numero ossia del Nulla elevato nientemeno a sistema, allo spread night&day. L’impotenza elevata a Potenza: lato traslato figurato…geografico.
Sì certo si parla delle cosiddette “novità” specchi per allodole teleguidate. In breve la Panasonic che si è attaccata al c…ristallo di silicio Formato Pieno del Pensiero Unico ne sforna un’altra a tambur battente S1H: tengono famiglia. E la legge di Moore il famigerato 18 (6+6+6 o il Numero della Bestia, eh Magaldi Venerabile di tre cotte!) vale a dire che ogni diciotto mesi si fan “progressi” tecnologici o meglio noto come Cartello di brand(y) e non solo del narcotraffico che, anzi, pari sono: ambedue droga ma non è questo. Forse.
Siché sino a questo momento l’Ultra Hd la “norma” e monitor e schermi desktop portatili smartfufeschi (fufi bau bau micio micio vieni qui bello!) e domestico pure? Adesso siamo al 6K: Ultra-ultra cha cha chà. E siccome nell’universo allopatico la serie dei numeri (chi li dà?) è detta Infinita…
Leica veste le sue camere con pelle…umana alla Fantozzi e mo’ Panasonic e mo’ Fujifilm “mezzoformato” da centoepassa minchiapixel…e quest’altro con presa per il caffè: cialde o regolare espresso da bar? Fotografia? Ahh un’altra volta, dicono, le puttane oops i brand(y) e consigli per gli acquisti: tataratatà canale cinqueeee, sei sette otto nove…

Panasonic Unveils the S1H, The First 6K Mirrorless Camera

Man fotografo sin dal 1969


Ps. Non è che ogni santo giorno bisogna scassarsi i santissimi nel ricordare (!?) che tutti i minchiapixel finiscono a smartphone e se va bene su Tablet dove è alquanto difficilino distinguere (discernere?) 8 16 32 64 128 minchiapixellate!




Il sesso degli angeli

Beh certo al corrente di adoratori, e riti di sangue innocente gran parte bambini immolati non prima di stupri inimmaginabili su altari già profanati in chiese sconsacrate[/url], luciferini parlare degli “omologhi” ma buoni angeli è suprema bestemmia: vero Magaldi Venerabile Maestro?
Sia come sia pari disputatio, che tanta parte pigliava in epoche medievali, si è trasferita per compiacere la giostra degli acquisti, manifestazione satanica, e lo spirito laido più che laico del corrente vivere (!?) su pezzetti di silicio. Ma sì i famigerati minchiapixel delle digitali fotografiche. E che altre volte, i soliti giorni dispari, stigmatizziamo, non foss’altro che non c’è più nessun problema “tecnologico” fra una trappolina per topi e le ben più grandi per fotografi very nice à la page. Più che altro, gli attrezzi, per intimorire la committenza!
Fuori un momento. C’era un fotografo ma nome altisonante (Agamennone) che alle nostre latitudini riprendeva i matrimoni con una telemetro. E si dirà: ah very fine. Sta mazza, poiché il nostro non usava la Leicà (alla francese il suo si capisce) bensì banalissime point&shoot ante litteram: Ricoh G 24x36 che pure si è usato ma in altri contesti. E insieme alle Ricoh dei flash altrettanto fuori “ordinanza” Vivitar 285 al posto dei teutonici Metz. Immagini che poi terminavano sui classici, per l’epoca, ventiventicinque e (s)quoiati album dal peso inverosimile. E vedevate voi differenze con i seipersei Rollei e sempre all’epoca rare Hasselblad?
Disputatio, di ritorno, che oltre al tempo perso non va oltre il fatto “meccanico”: mica so’ fessi gli articolisti che tengono famiglia, mutuo, corredi per figlie femmine che di sti tempi meglio specificare per chi intende…consigli per gli acquisti, va. Ecco

Full frame vs altri mondi


Man fotografo sin dal 1969


Ps. Molti video del magistarato Paolo Ferraro che una volta erano liberamente consultabili on line non lo sono più, poiché narrano di cose che ai padri di famiglaia mainstream(ing) non ci pieace far sapere: quieta non movere et mota quietare, no?



Lucciole per lanterne

Non ci resta che piangere, tra il film Troisi/Benigni e la cruda realtà a salve. Questo perché c’è il cretino di turno (che Iddio lo abbia in gloria eterna, amen) a mettere insieme due cose a paragone, metti del tipo un cinese ed un inglese: ‘mbè? Si intende tranne l’anatomia comune il resto…che non è poca cosa. E fuor di metafora che Analogico e Digitale, o pellicola e silicio. E non potendo dire altro (cinese/inglese) eccoti, rullo di tamburi, che il cretino la mena sul RANGE DINAMICO: mammamia. E che sarà mai, ammuina per perdere tempo? Scusi Cartier Bresson, suvvia cacci fuori il range dinamico. E lei Doisneau che fa s’asconde il range dinamico? Ottuagenario e passa di un Berengo Gardin con la sua Leicà ordunque confessi il range dinamico della sue immagini, casomai di 128.000 Iso con ottica f 0.1 all’Equatore e con sole allo Zenit e fill-in flash (!) come le digitali? Cretino di turno, casomai vai in giro con un visore notturno: sì quelli che già usava la Wermacht nella Seconda Guerra mondiale. Cretino glorificato (il massimo dell’imbecillità) ma fai fotografie? Siii onanista cazzaro a tutto spiano che ti trastulli con giocattoli digitali CaNikon e non sei cazzo di accocchiare (mettere insieme) quattro scatti che vogliano "dire" qualcosa?

Ultimate Film vs Digital Dynamic Range

Man fotografo dal 1969

Ps. Ancor prima del "range dinamico" il boken ossia la sfocatura dello sfondo e sue disputatio teologica! Poi in contemporanea gli obiettivi ultraluminosi usati di giorno (!) lamentando vignettatura (!!) a tutt’apertura (!!!) Ancora i centoventottomila (così pochini?) da usarsi di giorno con sole allo Zenit e lamentare “noise”! E poi il pattern Bayer, poi il full frame poi i dorsi e il "mezzoformato" digitale vedi Fujifilm da farci mutuo ipotecario: e perché no tutto il cucuzzaro? La giostra degli acquisti, che un tempo (Novecento) nel proporre ritrovati della “scienza” contribuiva e non poco alla “Grammatica&Sintassi” della Fotografia, oggi manu militari l’accavallatore di gambe: ossia un pezzo di legno messo sotto gamba, e con pressione verso il basso girando accavalla all’altra di Tognazzi/Vianello memoria!




Analogica Era vs. Digitale: ancora?

Non c'è storia che tenga e lo sappiamo. Digitale che consente, quante volte già scritto, di collegare (adesso solo come metafora) in tempo reale (!?) mente-occhio-braccio operativo. Impareggiabile. Tuttavia il “fascino” dell'analogico, visto la moda retro imperante e che s'adda fa p' l'industria del consumismo, è particolare e “anti storico”.
Dunque tolto di mezzo inutile contrapposizione, è altrettanto indubbio che la manualità artigianale dell'analogico fotografico, inteso naturalmente bianconero, ha una sua precipua malia e fermiamoci qui. E tra il revival non poteva mancare il formato che adesso va per la maggiore: seipersei o formato 120 codice Kodak per Hasselblad et simila.
E chiariamo subito che lo scatolotto Hassel, concetto mutuato dalla Rollei altrettanto scatola ma “verticale” non ci ha mai preso più di tanto. E come altre volte scritto abbiamo usato il Panzer Rollei SL66: doppio peso della Hassel ma pari dettaglio marchiato ottiche Zeiss, il top. Ciò detto mentre la Hassel aveva ottiche con otturatore centrale, Rollei l'esatto contrario tranne qualche ibridazione molto malriuscita con otturatore incorporato, forse per i matrimonialisti che però usavano, a ragione, la Hassel ad otturatore centrale irrinunciabile per “alleggerire” le ombre in esterno con il flash.
Otturatore su piano focale in classica “stoffa” la Rollei, sempre di SL66 by Germany, che se guardo lo scatolotto elettronico odierno che ha il fratello con il pallino della fotografia (usa Canon digital) d'antan....siamo su altro pianeta.
Sia come sia l'essenziale è divertirsi, ancora, a prendere foto e con esse riuscire a trasmettere un qualcosa condivisibile anche per altri, esclusi teleguidati e/o minchiapoixellisti onanisti a tutto spiano per la gioia di CaNikon ma pure SonyFujifilm...per chi intende!

Analogico...trapassato

Man fotografo sin dal 1969


Ps. Se ne occupa già l'articolista nel mettere i paletti all'operazione "nostalgia" e già con il costo fuori umana comprensione: con pari spesa e non solo dorso digitale acquistate le miglior full frame accessoriste di ogni cosa utile, o nel caso di pruriti estetizzanti, ecco, una "mezzoformato" digitale Fuji o Pentax



Al di là del bene e del male

Eh pare di sì con la “scienza” del Niente che si scatena sul Nulla. Fuji che usavamo negli anni Settanta, scritto e riscritto però repetita juvant, la “piccola” 6x9 si avete inteso bene a telemetro (!) G 690 BL pare reincarnata nella “fiammante” 50S sebbene sia trovata di markketting (rima in italiano antico, marchetta, prestazione come certe signore…). Fuji se fai una macchina “grande” più di una Aps –C o meglio Full frame, poi la vuoi pure ridurre? Vedete l’Era che si vive non ha ragione di essere: nulla di razionale. Dolce e però amaro, povero e però con fisime da ricco. Un SUV che consuma quando un motorino… e una macchina fotografica grande ma “tascabile”. Poi qualcuno dice male dei telefonini, che già ci sono e fanno cose turche inimmaginabili, Ma l’ora è fuggita e i brand(y) muoiono disperati. Per restare con i piedi ben piantati, si ricorda che un concetto “modulare” e non certo mezzo-formato, era già in circolazione per esempio in casa Ricoh. Resta inteso e più che mai valido: quando non c’è trippa per gatti la “scatola” è il contenuto: lato traslato e fate come ve pare!

Fuji camera

Man fotografo sin dal 1969


Olympus Camedia 5060 Wz (point&shoot come quella usate da Alex Majoli della Magnum Agency) Iso 80 1/30 a f 8.0. Luce naturale di finestra di primo mattino invernale, dura e contrastata al punto giusto, tazzina di caffè non ancora ultimato e il "manico" di Manunzio nel riprendere la scena: scusate se è poco!


Nun ce scassat' 'o cazz'

Interno, sole aspro all’orizzonte che irrompe dalla finestra. Inverno. Domenica: con la tazzina di caffè che vi siete preparati entrate nel soggiorno, e dopo aver dato lo sguardo solito al di là dai vetri poggiate la tazzina di caffè non ancora finito: un attimo. Inquadratura dell’occhio e la mano che afferra la digitale che portate nello zaino. Qualche scatto per “assaporare” per intero la scena. Poi con calma a Pshop Elements non “professionale” ma che esegue magnificamente bene gli stessi comandi della versione “Pro” dei sedicenti professionisti, a salve lavora l’immagine. Come al solito, parentesi, è tutta una questione di pro-forma che fa sì che una foto acquisti, sic et simpliciter, l’aura di “professionale” solo con Adobe XYZ casomai pure cloud! Chiusa parentesi.
In Elements, grazie anche a Tonality per Mac: computer per professionisti e per antonomasia: e mo’ che volemo fa? Plug in che conferisce quella “carica” che si vede ad immagine.
Fine prima parte. Inizio secondo tempo ché l’immagine è stata “premiata” a Web dal taste Yankee in primis, che dimostra oltre ogni ragionevole dubbio a telecomando che la foto è “universale”: se la capiscono gli ameri + cani…
Siché come si fa la conta dei minchiapixel sempre più visti a smartphone per la piu’ bella foto del reame? Quale full frame serve? La mezzo formato è decisamente meglio, e se sì: Fuji Leica Pentax o noblesse oblige Hasselblad naturalmente tetheringata tanto figa su Capture di PhaseOne “professionale”? Quale versione “professionale” di Pshop serve? Quale Raw per falliti che tanto poi ci pensa Pshop e/o Lightroom? E nel caso di questi (la nostra è una tosta e vetusta 5.5) quali sliders sono usati e certificati da influencer a pagamento retrostante? E la luce, e il diaframma, e le fesse (anatomia femminile e qui lo slang certifica un moto di discreta ira) delle vostre mamme, no? Ma nun ce scassate ‘o cazz’…prezzolati d’accatto a libro paga per la giostra degli acquisti!

Man fotografo sin dal 1969

Ps. L’immagine è la prova N di come si può dare scacco matto al “supermarket” planetario del pensiero Unico a nome Getty Images et simila, venditrice nientemeno che di banane/immagini caramellate Yankee style da usare per l’abbisogna anatomica retrostante di creativi del Terraqueo:“Lasciate che i morti seppelliscano i morti” Lc 9, 60

Pss. I "pro" mica vanno su siti di sharing photo, no certo ma usano le loro paginettine su Facebook per verificare quanti "fallowers" seguono: casomai i numeri non son proprio quelli come se ne legge da mane a sera proprio a Web. Niente di nuovo sotto il cielo del "market" e della giostra per gli acquisti. Viceversa chi non ha reticenza alcuna, senza visto di categoria a pagamento, ecco, posta per verificare quanto ampiamente già si conosce, e detto poco sopra; della capacità di universalizzare tanta parte degli scatti su rigorose point&shoot Olympus, come pure su E1 E3 E510...



Basta leggere attentamente, cosa questa per i michiapixellisti impossibile abituati alla disputa teologica lunghezza del…pixel, figurarsi la larghezza! E dunque se già la “circonferenza” non dice nulla codesto signore di cosa sta cazzeggiando? Vale a dire se dovessi acquistare (?!) una full frame (che c’è l’ha più grosso il diametro attacco baionetta, cosa avete capito!) e metti caso M4/3, che pesa meno etc etc etc uno si domanda: eh la Madonna ma allora…
Vedete? Si danno la zappa sui marroni…e con essi i michiapixellisti della famigerata CaNikon. Natural + mente questi signori non parlano di fotografia bensì, come ripetiamo a giorni alterni, di fottografia. E infatti non a caso questo bel pezzo di Japanise, con testa perfettamente occidentale-giudaico-cristiano-greco-romano, lo fa capire e se ne duole e anche perché non riesce a piazzare obiettivi f 1.0. Eh c’è da capirlo se proprio l’altro giorno Canon sparava il suo f 0.65, allora c’è un gap di 0.35 decimali di diaframma! E se a questo ci azzeccate che, sempre più spesso a bar sport odierna Rete o fanzine avariate, la discussione è sul sesso degli angeli (che non hanno?) a nome boken: Tombola oops demodé per Bingo, il giochino è sistemato. Ma sì ma sì, in certe anatomie e quant’uno gli piace: accattatevill’ (buy it paisà). E mi raccomando pensate prima ed innanzitutto a certi marchi tipo, chessò, Leica per capirsi. Certo gli è rimasto discreto allure, e che vuoi di più babbeo pure fotografare? Bella questa buontemponi: chi vuol esser lieto sia del diman (visto lo spread a telecomando) non v’è certezza. Consigli per gli acquisti…

Man

Ps.
Senza menzionare che il selettore di sensibilità ISO ha raggiunto la stratosferica cifra dodicimila e spicci che uno dice: Dio bono ci sono già da tempo i visori notturni da guerra! E poi con un Pshop gli togliete quel verderame bruttino e tutto torna a posto, come il “velo” rosso di Marte natural + mente. E che il trucchetto è far passare un “pianeta” molto ma molto somigliante e pure terra terra ai deserti sassosissimi visitabili a costo zero (in attesa che si vari una planetaria legge a…pagamento) in Rete. E ripensate alla pizzaforma teoria terrestre: 'na tragedia per l’industria cosmologica da non dirsi, e questi darwiniani d’accatto tengono pure…famiglia




La giostra degli acquisti. Vendete sti benedetti ghiaccioli agli Eschimesi o, controcampo, aspirapolvere ai Tuareg del deserto: ma si può? Eppure se n'è letto di tutto di più (Photokina ultima) come quella cazzata a man salva, ultima in ordine di comparsata L-Mount e relativo salto fantasmatico Full Frame (rapporto esoterico 3:2) che poi sempre a detta di questi “inventori” rappresenta solo il 30% del Market(ing) mentre il restante è mirrorless 4/3 formato micro (esoterico pure questo) e Fujinate Aps-C e varie.
Sony poi pare voglia fare il terzo incomodo alla CaNikon: de gustibus. E in tutto questo gongolano i brand(y) iPhone Samsung Huawei...Pantarei, no? No macché come prima più di prima! Sebbene: “owner after I too was suckered into following the mindless herd over the cliff. It was largely a mistake.”

Sony’s Full Frame Pro Mirrorless Was a Fatal Mistake

Man


Ps1 Panasonic micro quattro terzi con l'avvento del formato consortile L bayonet pare si dia sui maroni: sì perché le sue camere e fortuna commerciale è costruita su lo standard inventato da Olympus, e zitta zitta pure Leica si è fatto fare macchinette in sorta di franchising su pari baionetta: quindi vedete un po' voi le contorsioni della fine d'una Era sotto l'avanzata delle Valchirie wagneriane (mitica scena di Apocalypse Now) alias telefonini cine-fotomatografici, ecco

Ps2. Una volta si fotografava di tutto e di più in analogico e con le macchinette (spesso donate) dai padri se non dei nonni, in sorta di staffetta tra generazioni, e più o meno Leica & Rollei tanto per capirsi, sebbene certe folding di Zeiss e moltitudine di consimili hanno immortalato il Novecento tutto: testimonianza non il Cloud (Cia&Mossad) che a giorni dispari perde i dati (!) e se ne legge a web, bensì cartacei album familiari o meno custodi della Memoria, senza scomodare Orwell. Si fotografava di tutto e di più in analogico. Oggi si gioca. E dove il giorno prima dovevi dannarti l'anima a tirar fuori una qualche buona immagine generalmente bianconero dal “formato leica”, al passo odierno tutto finisce su gli stramaledetti smartphone e per i nostalgici il desktop (anglolatinismo). Cinquepollici portatili dove è difficile capire la pesantezza dei minchiapixel fullfremici o appieseci. E uno dovrebbe far contento la giostra degli acquisti con l'ultima corbelleria via Photokina? Detta in breve: Panasonic-Leica-Sigma L –Mount. o full frame però senza specchio CaNikon (con adattatore per passate lenti!) e pure Sony. Cazzate riverberano così dalla bocca di un prof. Sartori che fu. Una volta si fotografava di tutto e di più oggi ci si trastulla con gadget mentre riecheggia lo spot della Loren: “E accatevil...” solo che quello era prosciutto, buono anche su gli occhi, al corrente per altre parti anatomiche!


We’re just days away from Canon unveiling its first full-frame mirrorless camera, the EOS R. But the mirrorless camera wars are just getting started: Panasonic is reportedly planning to unveil its own full-frame camera camera later this month.

43 Rumors reports that this new camera will be announced 10 years after Panasonic released its first mirrorless camera and the world’s first Micro Four Thirds camera, the G1.

Panasonic will announce the camera and show off a prototype on September 25th, 2018 — the day before the Photokina 2018 trade show kicks off in Germany — and that the actual camera will be hitting the market sometime in the first half of 2019, 43 Rumors writes.

Sources are telling 43 Rumors that the camera is just as exciting (or perhaps even more exciting) as Nikon’s Z Series announcement and that the camera will have “superb” video recording performance.

If this report comes to pass, then in the span of a month Sony will have gotten three new full-frame competitors in the Nikon Z, Canon R, and Panasonic… something

New Panasonic full frame


Ps. Resta da capire la giravolta full frame della Panasonic, ma così a breve c'è da immaginare anche Olympus, trecento e passa gradi dalla sbandierata "miniaturizzazione" e conseguente abbattimenti costi etc etc etc. Senz'altro una questione di markketing (in italiano la marketta è la botta a pagamento presso passeggiatrici o assimilati) anche se la bontà del Micro 4/3 è conclamata da un decennio. Si potrebbe spiegare con il fatto che le full frame ricalcano il rapporto 3:2 delle pellicole analogiche, mentre Pana-Olympus il 4:3. Siché o il primo è "armonica proporzione" alla Paciolli per chi ha orecchio, o viceversa l'altra sfida certa consolidata "obbedienza". Altrimenti...



No limits che in una cosiddetta società (dello spettacolo) porre freni è puro non sense: il limite. Ancora non avendo più confini (mentali cui promana il cosiddetto reale secondo alcuni) perché mai fermarsi?
Ora non è più questione di “progresso” detto fotografico e pendant di un quadro più generale, bensì semplice peto: gas anale. Tant’è vero che qui nel caso di specie si parla di un aggeggio fotografico ben oltre normale full frame, che consente già di “stampare” intere facciate di palazzi (non ci si venga a dire della definizione…ad alcune centinaia di metri di fisiologica visione umana contemplata in testi di ottica oltreché psicologia) senza ricordare i pannelli stradali o iphonate di Apple (prima ancora la serie Pen di Olympus**) nel lancio dei suoi smartphone, affissi per le strade Nevaiorchesi.
Siché si resta basiti quand’anche una PhaseOne ci fa oltre ad esserci: imbecille si ca + pisce (calembour meridionale per chi ha orecchia). A cosa servono, quindi, su un formato quadrotto della Casa ben centocinquantunomegapixelinformatoerregibìforsemancocompressicheépiùfigoeprofessionale (provate a pronunciarlo tutto d’un fiato!) se oggi anche a stampare (!?) offset più che altro digitale alla Francomariariccid’antan (sempre con un sol fiato) una normalissima compattina, e ne diamo testimonianza a giorni alterni, da qualche milioncino di (minchia)pixel riesce bene nell’impresa? E se poi il tutto finisce a schermo di cinque o sei polliciotti smartphone e poco più di tablet, la vedreste la differenza tra una iphonata qualsiasi e centocinquantunomegapixelinformatoerregibìforsemancocompressicheépiùfigoeprofessionale? No. Cazzate direbbe il prof Sartori televisivo che fu.
Ora avere un michiapixel in camera da letto è un conto…su di una ex Mamiya (acquistata da Phase One per l’abbisogna) lo farebbe ammosciare de colpo, sempre il minchiapixel. Certo poi se uno ci fa l’amore come alcune leccate di cucchino yogurt di reclame: che dire? De gustibus…e fellatio a volontà!

Man

PhaseOne

** Primo film in alto a sinistra (non si è trovato l’originale su Youtube)

Anuncio de la cámara de Apple Iphone 6 en el lado del edificio con la tienda del desván


Ps. Con gli iPhone (per tacere di Android vedi Leica/Huawei) ci hanno fatto finanche reclame*, e il famoso software famigerato Filmic** con cui alcuni audaci producer ci campano…E se dal qualsiasi famigerato 4K streaming si ricavano splendidi fermi immagine da farci ciò che si vuole…intelligenti pauca verba

Pss. Poiché non le mandiamo a dire ne spediamo mail a PhaseOne

*Uno
**Due




Ci risiamo. Altre volte (sempre) la nostra attenzione diciamo così va a quei fessacchiotti che la giostra degli acquisti fa, appunto, fessi. Vale a dire quei cretini di “colleghi” estensibile anche alla pletora di “amatori” della domenica e altri giorni si sa mai. Ambedue zoomorfi individui che stanno lì anelanti e sbavando per l’ultima full frame che gli consenta di vedere “pixel per pixel” senza sgranatura. De gustibus.
Ora con i sempiterni cinquepollicini di monitor smartphone (un po’ più su tablet ma sai che problema) resta difficilino capire se l’immagine è full-aps c-tre quarti e na gazzosa…Ah certo ingrandirla: e cosa? Cojonate a man salva. Ma. Già e se la stampi a trecento dippiahiahi? Corbellerie di chi in tipografia una volta, service sempre più digtal ha mai varcato soglia. E una stampa la si guarda a distanza, poi. E se proprio proprio na botta de maschera de contrasto alla Lightroom che è meglio: vuoi mettere?
E se invece la stampa in formato libro (sempre una figata si sente dire) è muraria come nel caso qui di specie? Nessunissimo problema.
E per i Santommaso a pagamento eterodiretti dalla giostra ecco qua: immagine da analogico in digitale su Olympus E1 Ammiraglia 4/3 con ottica macro da negativo bianconero Ilford HP5 135, o formato Leica che dir si voglia. Il sensore? Cinquemilionidipxel (su Jepg ché solo quello da sempre usiamo a 314 dpi di default Olympus, pronti per la stampa offset) sufficienti a tirar un cm 21 x 31 a mostra. Si perché di mostra in libreria (ci abbiamo il pallino o fisima o fantasia culturale fate vobis) e su carta cosiddetta photo, e mica la cartaccia su cui si è chiesto l’altrettanto detto provino: a sinistra con una nuance rosé a destra più fredda che va molto meglio ancor più nella stampa finale su superfice “perla”. Il resto è pura e semplice masturbatio che tanto aggio fa alla giostra degli acquisti…

Man


Ps. Chi poi ha visto le foto esposte, una strisciata d’alcuni metri, su nudo muro ché non amiamo le cornici da relegarsi alla pittura a metro quadro, è andato con la memoria a quello che le immagini tutte rimandava. Ohh ci è venuto pure un collega d’era analogica, con il naso quasi appiccicato su la striscia (!) è rimasto alquanto perplesso della “definizione”. E quanto ha saputo di come le immagini sono state ricavate…la testa come pendolo faceva, lui nikonista full frame...

Pss. Il preteso dello scritto è venuto nel sistemare l’archivio tra libri e raccoglitori di pellicole analogiche



Si certo se n’è parlato già. E tuttavia quelle coincidenze astrali (?!) che ti riportano a richiamare la PhotoPic 850Z così la sigla di casa Epson, che ci aveva provato non solo con la serie point&shoot ma con un superbo esemplare, ante Leica natum, di telemetro a nome R-D1: naturalmente “non capita” dai cosiddetti fotografi forse perché di altra “obbedienza” che così va il mondo incappucciato.
La 850Z delle meraviglie e con soli “due” milioni di pixel tanti quanti la pro D1 di Nikon: vero il pixel più grande…minchiate, ecco. E che se non è accompagnato dal manico del fotografo hai voglia ad allungarlo, il pixel s’intende. Ecco qua perché se ne parla ancora, oggi che in quanto a full frame e minchiapixel che uno dice: e sapete dove metterli se poi gattini miao miao fiori e torri americani di notte di giorno con luna (traversa) infestano il Web. Al netto del pelo (una volta ora son tutte politically in-correct ergo senza pelo vaginale) di donna e/o assimilabile. Insomma un pelo detto artistico: vuoi mettere? Pauca verba paisà

Man

Unsung Cameras Of Yesteryear: The Epson R-D1

Post antecedente e ci riferisce all'immagine


Ps. Oltre a pannelli (!) per mostre per conto del Mibac alias “protettori” dei manufatti antichi et simila dell’Italia, anche un libro eseguito solo e soltanto con files della 850Z. Senza ricordare che anche il matrimonio del fratello è di Epson 850Z e Oly C-5060 Wz, ambedue dette…point&shoot. Alla creatività dei cosiddetti creativi, pare, non esserci limiti

more: Epson.pdf (99.16 KB)

search

pages

Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading