manunzio.it logo






"Training your eye to see things differently does take time, and this process cannot be forced. The framework from the course is an excellent place to start, but a lot of it is in the student’s hands.

One of my most common instructions to a group will be to slow down, not only in the way that they walk around but also in the way they treat their gear and the people around them. Our course lasts for three days, and we spend the majority of the first and second out shooting. Many students fear they will miss a moment due to being too far, or not being somewhere fast enough.

Actual technical control over a camera is not difficult to learn. Basic functions of exposure and focus can be mastered in a matter of weeks, and for street photography, I tend to encourage shooting in either aperture priority or fully automatic so that you’re focused on the scene rather than the gear"


12 Things I Learned While Teaching Street Photography



Il Falso elevato a sistema corrente, inimmaginabile secondo il “Canone” la fotografia e documentaristica non “leggera” e parca di mezzi scenici: ora se McLuhan ci ricorda che il mezzo è già messaggio, la fotografia, qui nel caso di specie, sarà la risultante N volte del Falso, sua perpetuazione. Vero è che anche in epoca analogica accadevano “ricostruzioni” sceniche, tuttavia, c’era un che di sobrio ed essenziale nella messinscena, adesso manco più questa: aut Caesar aut nihil di un Mondo corrente, o da conto corrente, che più nichilista la Storia umana ha visto mai




Hollywood party

Quinte teatrali con la fotografia che fotografa il reale: quale? Oh se per questo ci han spaccato i maroni i Roland Barthes e & Co circa il fatto che la fotografia è “azzeccata” al reale (sempre che qualcuno, come a giorni dispari si scrive, ne dia "conto" definitivo ed immortale soprattutto!). E ‘ una cosa fuorviante che serve a certi signori che non si capacitano dell’invenzione della biro, abituai ai loro calami in torri eburnee: maestri eccelsi gli italioti della landa milanese. Insomma di quella trimurti alla Maresciallo Rocca, il prete e farmacista d’antan. Autorità d’un tempo seppellito: sia lodato iddio!
E quindi alla fotografia si chiede come atto fideistico (a pagamento) e genetico (leggetevi la filippica di Arago al Parlamento francese nel giorno della sua “fatale” invenzione) di fotografare nientemeno che il “reale”: oddio quello che conviene spacciare in dollari euro yuan…Senonché ti ritrovi il solito funghetto americano, che vive nel più finto di questo mondo cano che ci ho sotto i piedi , e l’ha talmente introitato che non gli par vero che, in veste di fotografo, gli si pari davanti il FALSO e pure in carne ed ossa, mentre azzanna una inerme omelette, però alla Nutella! Mo’ paisà hai capito perché la Nutella è immangiabile, di dolciastro da voltare budella? Ad Alba e dintorni gli stabilimenti Ferrero han reso il cioccolato talmente schifoso per accontentare il “taste” dei cretini di americani! E meno male che ci sono altri brand di cioccolato, che non spalmerai più su caserecce stozze (fette) di pane, però…
Ritornati a bomba ed a chiudere che abbiamo da preparare qualche denuncia ai soliti…mother fuck truccati e falsi funzionari dello Stato. Falsi? Oh tale e quale quelli che…in link se vi pare

Photographing the Fake Holy Men of Varanasi, India

Man fotografo sin dal 1969

Storie di uomini e mondi, ancora una




Abstract
a man that comes from the past, history of photographer in New York with a big remembrance, images of life on street


Ostinazione che rasenta forme di satntificazione, se per santo intendiamo chi ha un distacco seeno nei confronti di ciò che uso dire “vita” nel senso comune del termine: di male in peggio.
Sia come sia sono storie di uomini (e mettiamoci pure di donne avessi visto mai: cosa, non ha importanza ma c'est trés chic) in formato abulante. Si perché come il proverbio africano: quando uno di questi va via è come se una biblioteca andasse persa per sempre

Old photographer to capture the moment

Man

search

pages

loading