Manunzio



L'immagine della Salute (distrazione di massa)

Viviamo di più e meglio, forse. E si perché dovremmo mettere i classici punti non già sulle i di prammatica, ma tutto l'alfabeto di segni simboli consonanti e vocali. Trucchi contabili, partite doppie e di giro: Giovanni mangia il pollo mentre Enrico lo guarda, passa di lì un ragioniere, casomai di Casoria, e statistica + mente dice, poi, in televisione: han mangiato mezzo pollo a testa. Così va la “matematica”. Dipende da come guardi il “mondo”.
Virus tanto per farla breve mentre il cielo infoca, senza nubi di geoigegneria en plein air altro che clandestina, di metà Febbraio in tutt'Italia isole comprese alla réclame Aiazzone d'antan. Senza ricordare che si è in anno bisesto e funesto, non che i precedenti ma qui ed ora sembra mettere il turbo delle lucieferine Ur Lodge neofeudali, che intendono eliminare (bontà loro) poco più poco meno di seimiliardiemezzo di persone per godersi la Terra in “santa pace”: Georgia guide stone tanto per ricordare la cosa. I soliti quattro gatti anglosionisti a bearsi del terraqueo come prima e più di prima: conti senza l'oste dell'ultra maggioranza dei viventi e piante e animali.
Molto stupida la cosa ed anche semplice: ti metto all'angolo la Cina, sfruttata de localizzando fabbriche e bestiame umano per farlo andare, ed con un Corona + virus che è tutto un anagramma ancor prima di produrre effetti (ne fa più vittime la parola che la spada, no? giacché il Mondo è governato da simboli e segni senz'altro enumerare) ti eradico dalla faccia della Terra.
E a parte questo si converrà che l'allungamento della vita (basato su calcoli tartufeschi delle solite centrali che spacciano fake news come oro di Bologna che si fa nero per la vergogna di essere solo patina... e ragioniere di Casoria) è funzionale anche per eliminare le pensioni (pagate con trattenute nel corso dell'iter lavorativo individuale): si vive di più e meglio tenere le salme incartapecorite di bestiame umano impiegatizio tout court sino all'ultimo respiro, eccezione per i “vitalizzi” per chi intende. Certo eliminate le pensioni, eccoti i Fondi a guida sionista, idem per la Sanità su modello “amerikano” di stampo sionista pure qua. E per il restame cosa sarà mai due metri di terra come eterna coperta: sit tibi terra levis, no? No perché il giochino è smascherato: giù la maschera che il Medioevo è alle spalle, compreso le “epidemie” costruite a tavolino. E al riguardo dovrei citare una catasta di libri scritti a proposito e link e post...Ci si ferma qui con la “fotografia” della prossima esercitazione militare, guarda caso contro la Russia (uno sgarro millenario con quell'Impero d'Oriente) che insieme a Cina ed Iran han alzato, dicono, la testa. La solita guerra delle potenze di Mare (anglosioniste in putrefazione) contro la Terra o meglio Herthland: quattro gatti contro l'Umanità. Vabbene c'è l'opzione Sansone, che biblicamente muore insieme a tutti (dicasi tutti) i Filisteni-sionisti. Amen e chi vivrà vedrà

I compagni di BaAl

Zika virus (ATCC® VR-84™): un virus brevettato e la guerra biologica

Virus

Coronavirus e “guerre senza limiti”

Previsto il Coronavirus? I segreti di Koomtz

Ps. Siamo onorati di far parte della “black list” di Cia & Mossad, così come essere iscritti al club dei complottardi: la Verità vi farà liberi secondo l'ubiquo Templare Giovanni biblico




Quietate le acque delle querule prime pagine e fatte “sparire” le chiacchiere da bar sport tipiche di un Oliviero Toscani qualsiasi, conviene non stare nel coro. Sì perché il giullare ex fotografo della Milano da bere, sodale del Benetton, poiché saltimbanco di corte è stato “sacrificato” temporaneamente ai motteggi del popolo bue (che si permette pure di essere populista): quieta non movere e mota quietare, così gli assassini del Morandi ponte in Genova. Assassini compiacenti e scientemente operanti a conseguenza. E il giorno prima su pari altare è stato sacrificato, novello capro espiatorio, l’Ad (link sottostante) di Atlantia/Benetton/Panfilo Britannia/D’Alema et consimili. E non più giullare Oliviero Toscani, statene certi che saltato il turno del “gioco” verrà mollemente recuperato dal “compagno” Fazio nel sulfureo studio di “Che tempo che fa”. La Casta è Casta, no? No!

Autostrade, Giovanni Castellucci si dimette da ad di Atlantia: buonuscita da 13 milioni di euro
Oliviero Toscani Uno e Due
Diego Fusaro “Le sardine hanno scelto la quieta servitù alla pericolosa libertà

Ps1 Il limite che non doveva essere superato il Toscani non solo se n’è sbattuto, ma soprattutto ha sputato in bocca alla Morte per averla scampata sul ponte: ipse dixit. E la Signora in nero ne siam certo chiederà conto dell’oltraggio subito con la sua Falce

Ps2 Di come la Casta si autoperpetua e dai “populismi” tiene cordone è nell’espressione di un sodale a nome Gastell circa il Toscani: cane non mangia cane. Roba da cani

Ps3 Al Toscani Gastell ha, in una di quelle turpi adunanze nientemeno che Lectio magistralis o stile Marchese del Grillo, concessa tessera AFIP ai sensi dell’art. 6 dello Statuto AFIP, tacendo su quello concernente l’art. 15 del beffardo statuto Association Italian Photographers International,populismo di riciclati sedicenti artisti (rimettono ad arte in circolo da magliari foto di tessuti e modelle d'antan lo Spaccio della Bestia)


Click on image for more

Sardine sotto...Benetton e Oliviero Toscani

Immagine contemporanea o dell’Eterno ritorno, a bomba. Sardine o le simpatiche canaglie in ogni talk show ivi l’Annunziata catodica. Solfurei esseri, questa e quelli, della diversificazione, a chiacchiere, esempio luciferino del Kapitale (as killer) nel diversificare la merce, uomini compresi, che intendono perpetuare ab libitum il debito babilonese. E quando uno è in debito (manu militari) difficile si ponga a filosofeggiare, anche se, in Francia accade tutt’altro e guarda caso il mainstream(ing) cancella con stesse virulenze manu militari: dopo la Brexit c’è da capirli.
Sardine dunque, forse alla loro Pontida per ricevere (meglio consacrare come novelli cresimandi d’antan) la successione o staffetta post 5 Stelle, che non servono più, e i numeri elettorali confermano; fatto come il precedente Idv (Italia dei Valori) di Di Pietro teso ad evitare la tracimazione popolare; di un popolo che tranne alcuni giapponesi nella Jungla, poco inclini ad arrendersi, è merdaglia che si compra con un Amadeus gratta e vinci o un centesimo di Euro, anche ob torto collo. Insomma: io speriamo che me la cavo di Fantozzi memoria (a scapito degli altri).
Il Potere squamato, riescono con apposita frequenza a nascondere la loro immonda fattezza rettiliniana ed apparire tale e quali uman(oidi) bipede, arruola ora ora Sardine e poco gli frega: come prima più di prima. Solo che il Mondo è multipolare, gli piaccia o no. E serve poco mostrare i loro petti in Europa con esercitazioni militari a Marzo (Idi famose?) vs la Russia, che a fianco ha la Ciana di là e di qua Iran...E c’è da chiedere: le Sardine come i famigerati Caschi Bianchi di Stampa & Regime? Tutto torna, ma il Tempo Galantuomo è. Sempre


Ps. Sardine fra Luciano Benetton, sinistra immagine, e il finto essere a nome Oliviero Toscani, solito ex fotografo sputacchiare nel lauto piatto cui attinge ancora carriera sottoscritta sangue, come novello Faust, al Padrone delle Tenebre. Essere in palmo di mano, adorato e glorificato dai sinistri cosmopoliti de sinistra alla "Che tempo che fa": quelli dell’aborto eutanasia prostituzione e droga mirabilmente impresse nelle Nuove Tavole della (loro) legge a nome Georgia Guidestone per l’aere maligno. Luciano Benetton benedetto da un D’Alema e sodali con scellerate privatizzazioni, firmate sul Britannia della Brexit ante litteram a nome e per conto delle Ur Lodge neo feudali di un Prodi (papabile neo prossimo Presidente della Repubblica post notaio Mattarella via Bruxelles trazione Merkel) Ciampi (promosso finanche Presidente della Repubblica dopo le scellerate contromisure, svalutarie di un sempiterno Soros speculatore) Draghi e topo sottile Giuliano Amato non meno papabile di quello: sinistri traditori del bue popolo italiota.
Luciano Benetton di Atlantia alias Ponte Morandi di Genova, dove è scampato il sodale Oliviero Toscani come riferito in prima persona all’indomani della tragedia, quando un guasto alla moto con retrostante figlio in sella li salvò dal “folle volo”. Sardine sotto protezione, quinte colonne del Pd (Partito Demoniaco) che pensano di bissare la pagliacciata dell’Emilia-Romagna a scala nazionale: sceneggiata da impallidire Mario Merola maître della sceneggiata napoletana



C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi, d'antico

E certo non ci riferiamo all'Aquilone di scolastiche memorie, quanto, sopratutto, in questi giorni di distrazione di massa planetaria, come non si era mai vista. Balza agli occhi anche del più sprovveduti (a telecomando) che qualcosa di nuovo, per l'appunto, veicola per l'aria tanto odierno a dirla tutta, che pare antico.
Chiariamo subito per chi si imbatte in questo Diary, che apparteniamo de facto alla schiera dei cosiddetti “complottisti” per il semplice fatto o arco riflesso, del chiedersi ogni santo giorno: i perché. E in quanto fotografo nel percorrere, sempre e comunque, altre angolazioni, o narrazioni del caso che dir si voglia. A capo quindi.
Siché senza dubbio ciò che passa il catodico, reti omologate al Pensiero Unico imperante ma non ancora vincente, deve somigliare le attuali vicende a quella primigenia battaglia “celeste” che vide i soliti Buoni contrapposti ai Cattivi, attivissimo compreso. E che vide quest'ultimi soccombere e per punizione, ecco, lasciati in prigione su questo terraqueo: vero, falso? Verosimile senza dubbio. Sia come sia evidente che il “Sistema” babilonese ad usura sta collassando, basti osservare l'Armageddon Mediorientale: Siria ma ancor più l'ineffabile Iran, cui spalle sornione sta la Cina e mica tanto la Russia. In parole molto povere (forse) si assiste alla fine di un Mondo unipolare a guida Stars and Stripes e masnada di Sion vs il resto dell'Umanità. E proprio la rediviva Sars cui anagramma contiene: ars-arte, infatti ci vuole certa dose di arte a far quel che è stato e al corrente, pure. Arsa altra scomposizione che fa rima con “fuoco”, poi ardere...tutto questo senza dimenticare oltre ai “polli” veicoli dell'infezione polmonare, si disse all'epoca, che il focus era la Cina che, guarda caso, è pure l'odierna landa del redivivo parente della Sars, al secolo Corona + virus. Anagramma che danno, scritto proprio così alla lettera quale danneggiamento: rancori, cranio, nocivo, caos, nuca (tra capo e collo!) ano per l'abbisogna dell'appoggio. E fra le tante pure urna, che di certo non è quella elettorale, casomai di foscoliana memoria per chi intende, ché il Mondo è governato da segni e simboli...non da virus dal sen fuggiti letteralmente. Intelligenti pausa verba
Pandemia. Il business del terrore
Coronavirus e “guerre senza limiti”

Ps. Siamo ad appena il primo mese del 2020, anno Bisesto e che mai e poi mai si dica funesto: Qasim Soleimani abbrivo


Click on image for more


Memoria non condivisibile

Quante volte ho allestito mostre all'Archivio di Stato in Potenza dedicato al giorno della Memoria? Poi a venirci ragionando su, come un tarlo, sul perché dedicare la “memoria” solo e soltanto ai cosiddetti Ebrei: forse di sangue diverso dagli altri umani poi sprezzatamene definiti Goym, ossia schiavi? No non più e dedicare tempo ed energie agli “ebrei”. L'uso delle virgolette è dovuto al fatto che dovremmo dire certuni ebrei, che han lucrato alla lettera sul sangue dei propri correligionari per fini scellerati ed immondi. Ma quand'anche non fosse così è la “benemerita” Wikipedia, sponsorizzata sempre da certuni ebrei e non si sa se erranti e/o globalisti della peggior specie, alla Soros qualunque, a darne conto. Wiki che ci mostra che nei Lager oltre agli ebrei contraddistinti dalla Stella di David in campo giallo, c'era tant'altra parte di umanità dolente e morente che c'entrava poco o niente con quella stella: di quest'altri chi li ricorda?
Spiace dover constatare ancora una volta che gli ebrei, da ultimo utilizzanti come sardine contro l'Orco-Salvini-Sovranista ad effetto e pure neo dittatore, si svendono come quella Segre in passerelle mediatiche (prima dov'era?) sul sangue di innocenti tout court martirizzati in Lager in chiave anti-Salvini anti sovranista ad acta un Sors qualsiasi. Ma il gioco è smaccatamente scoperto, e poi banale domanda: quando saran passati a miglior gloria i “sopravvissuti” terminerà la giornata della “memoria”? E l'odierno Lager a cielo aperto della striscia di Gaza messa su dai “buoni” ebrei, certuni? E del massacro degli Yemeniti e...solo a dar uno sguardo al Novecento di campi di concentramento, eh che avessi voglia molto e più degli “ebrei”. Meno male che il Tempo Galantuomo è. Sempre
Il Genocidio dei Rom (o Zingari) in Europa, 1939–1945
I campi di concentramento
Rom e Sinti, Agnone: il campo di concentramento a loro destinato e la memoria rimossa
Le altre vittime dell'Olocausto
Risiera di San Sabba
Massacri delle Foibe


Ps. In ogni ora del giorno e su reti omologate va ciclica la cosiddetta "storia" di Hitler come colui che "materialmente" ha posto fine a milioni di uomini e non solo ebrei. La vulgata televisiva tende a quietare le domande imbarazzanti: ma chi ha pagato Hitler e certo Mussolini non meno che Stalin per tacere di Lenin? Troppe zone grigie del Novecento che, fino a quando non portate in luce, mai daranno pace a tanti innocenti passati per i camini e non solo dei Lager dell'Occidente giudaico-cristiano-greco-romano, al netto del silenzio di tomba di Vaticano Spa



Pubblicità Regresso

E a dirla tutta: caccia a l'uomo, bianco esatta + mente. All'inizi della cosiddetta storia del genere umano, niente d'impossibile che la Dea Madre la faceva da padrona su ogni letto, anfratto o en plein air E spiace che anche C. Gustav Jung, massone, ne dia un esaltazione pur quanto meno sospetta del “glorioso” passato. Eppure noi fessi non siamo. Si perché la storia degli umani (certuni umanoidi) sebbene il pensiero aristotelico, o il corrente Unico, prevede le coordinate verso l'Infinito e oltre...poi non s'avvede della ciclicità ricorrente. E in questo l'Anticristo della Dea Madre e sue ancelle, dette donne ha tutto lo scarlatto che le Scritture attribuisce ai Tempi ultimi che corrono, e se corrono! No, attenzione agli specchietti, quando si parla di donne, non certo quelle che vedete al vostro fianco, bensì le para-televisive, soprattutto. Adoratrici di Satana (insieme al comparuzzo uomo, ambedue costruzioni mentali). Potere mettiamo alla Killary Clinton, una Tatcher qualsiasi o finanche tipo Michela Murgia tronfio gatto mammone dai talk show catodici con sole donne. Tutte assorellate alla distruzione dell'uomo maschio (uomo represso masturbati nel cesso d'antan della Bonino e sodale) bianco che è diventata caccia quotidiana. E i neri? O bella quelli servono per sollazzo (le donne nei mari caldi da sole via agenzia di solo donne) e per l'incremento procreazione della razza bastarda: senza terra senza Iddio né passato né presente figurarsi il futuro per i globalisti luciferini nell'intento di fottere la Cina e continente asiatico detto emergente in primis. Il tanto volte citato Guide stone: pensano, loro.
Basti dire a puro titolo di banalità quotidiana, l'altro giorno l'ennesima morte “bianca”: giusto l'annuncio della striscia scorrevole sotto i tiggi di Stampa & Regime e subito dopo via con la giostra donna-acquisti. E chiudiamo con l'esilarante réclame del liquore lucano, una volta da Pisticci in territorio di Matera lungo la Jonica. Una volta, dunque, che vuoi dalla vita? Un lucano diceva una fuori campo chiudendo sul bel moro e barba, più arabo che olivastro sudista: ma vuoi mettere? Ecco. No, adesso nello spot c'è un lui chinato per terra a raccogliere qualcosa, lei in minigonna che si ac + coscia, poi si vede un vento rizzare i capelli all'inchinato (come gleba d'antan) e uno dice: 'mbe? Potenza dalla figa come ventilatore, o da altra anatomia? Poco importa perché poi seduti, tête-à-tête , lei domina...E uno conclude: giusto, come mai non si era pensato? Adesso l'etichetta la chiameremo la Lucana! Avanti con gli acquisti...
Portraits of Women on Sofas


Man fotografo dal 1969

Ps. Si dovrà adattare d'ora in poi i beni motti del Ventennio tipo: “Sorge il sole canta il gallo (una volta Mussolini) mo' la donna è già a...cavallo”. E si ci sono di quelle che non godono essere sotto + messe. Benedetto Kamasutra




No, tanto per capirsi: quale delle due “immagini” ? Si tende a deregolamentizzare pure l'aria che si respira (vero Benetton-Morandi?) poi si chiede aiuto alla mamma Europa, casomai con l'Eurogendfor! Effetti "collaterali" dell'ordoliberismo in via di putrefazione.
Satanisti belli decidetevi perché “ho andato squola” nel tempo in cui il Potere incarnato era: lo speziale/farmacista il curato/parroco e il brigadiere dei Carabin + ieri. L'altro ieri, ecco, oggi è un'altra storia. Ma il sonno della ragione non può che generare mostri, e chi è cagion del suo male pianga se stesso. Avanti con i buoi o bufale globaliste che pari sono!

Man fotografo dal 1969



Rosso sangue (catameniale)

Il destro è offerto da una zoccolona (!?) ci frega poco il politically correct, che scrive eterodiretta: sai che novità. Il tempo maligno della Dea Madre, ritorno al Kaos primigenio cui mai e poi mai sarebbe natala civiltà umana se non fosse stato per gli uomini (Genesi docet) e se ne diano pace le “donne” di Babilonia per chi intende.
Dunque rosso già carico di valore simbolico vitale (uno dei nostri colori) ma più spesso, purtroppo, di Thanatos via catodico: non a caso.
E a proposito di rosso l'ultima volta un tale Pippo Civati, ex comunista ex Pd ex...scomparso pure dai radar catodici, ne dava conto in termini elettorali, la detassazione dei pannolini mestrui delle donne (votanti). E lì per lì dal salotto buono della siliconata boccuccia Lilly Gruber via La7, pareva una boutade. Una volta era la lotta di classe contro il padrone (Agnelli&Pirelli ladri gemelli sessantotto) adesso la lotta alla detassazione del mestruo, e suo sdoganamento per le platee dell'uomo (sempre represso alle prese con masturbazione nel cesso, sessantotto pure questo).
Sichè dalla boutade il passo reale/televisivo/cellulare pare cosa fatta. E d'altronde con le faccine sorridenti di giovani mestruate (giostra degli acquisti ringrazia sentitamente mentre la cassa paga) le donnine para televisive (paraculo no?) in quei giorni lì (esilarante gang di Troisi-Arena-Decaro) tra pannolini con ali, aerodinamiche traforature (uncinetto?) felice e saltellanti come caprioli a primavera, senza alcun cedimento che pure l'endometrio vuole: fisiologia non è gender studiato a tavolino per decrescita felice via Georgia stone. Senza dire della ballerina televisiva che mostra (a chi?) come si “indossa” il pannolino con rigorose gocce cadenti in tinta blu: il rosso del caso è “censurato” quando poi a tutte le ore se ne vede sparso di corpi ammazzati di Stampa & Regime! Sic transit gloria mundi

L’Iva sugli assorbenti lo conferma: le mestruazioni in Italia sono un lusso. Come i neuroni di qualche politico


Man fotografo dal 1969

Ps. E per i pannolini dei bebè? Certo non portano voto ed esclusi da ogni beneficio di legge, a meno che non siano bambine, nel qual caso agevolazione...extra legem




Tramontana I

Freddo vento dal quadrante...globalisti luciferini. E che tiri una pessima aria di certo non è guardando l'affondamento di Venezia e/o Durazzo diruto via Haarp et simila, no. Queste sono immagini di acque di superficie, mica i tonni, ecco, che nuotano al largo ed in branco satanico. Allora conviene aprire una controinformazione (per noi sessantottini 'na passeggiata) che a cadenza mostri il volto del “sistema” babilonese in crollo verticale. Immagine come la si giri giri di fin de siècle: lato traslato e fate come ve pare!

The Government Is Detaining and Interrogating Journalists and Advocates at the US-Mexico Border

Man fotografo dal 1969



"Dieci anni fa Stefano Cucchi è stato torturato fino alla morte. I giudici lo hanno scritto nella loro sentenza. Non si può mai essere felici quando qualcuno è condannato a dodici anni di carcere, neanche in questo caso.

Si può però essere rinfrancati, finalmente rasserenati e protetti da una decisione che avvicina le istituzioni ai cittadini. Nessuno deve ritenersi infatti al di sopra della legge. Non c’è divisa che tenga. La divisa non è uno scudo penale, non è un fattore di immunità. La divisa è fonte di accresciuta responsabilità. Chiunque svolga una delicata funzione di ordine pubblico, di sicurezza e di custodia deve sentire il peso morale di essere il primo garante della legalità e dei diritti umani.

La parola tortura non ha potuto essere pronunciata dai giudici nel dispositivo della sentenza solo perché in quel lontano 2009 la tortura per il nostro pavido legislatore non era ancora meritevole di essere considerata un delitto. È stata per troppo tempo una parola impronunciabile. La violenza brutale e mortale subita dal povero Stefano ha finalmente trovato dei colpevoli. È stata un’inchiesta difficile, tormentata da tentativi di depistaggi, di omertà diffuse. Ci vorrebbe molta determinazione, pazienza, forza morale dei familiari per andare avanti. Dieci anni ci sono voluti. Due lustri conditi di minacce per i familiari, odio sui social, meschinità e fango su Stefano e sulla sua bellissima famiglia, stremata dal dolore e dalla fatica di sopportare un peso inaspettato, tragico. Non bastava un figlio, fratello torturato a morte. Bisognava anche reagire a chi ha sempre insinuato che tutto sommato Stefano se la fosse andata a cercare. Anche ieri Matteo Salvini, nel commentare la sentenza, ha evocato, mancando di pudore e di rispetto per i familiari, il tema delle sostanze stupefacenti affermando che lui lotterà sempre contro la droga. Solo che ora c’è una sentenza che parla chiaro. Fece bene il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a chiedere scusa a Ilaria a nome dello Stato. Salvini si è invece persino ieri rifiutato di farlo. Lui, che come ogni populista afferma di essere dalla parte del popolo si rifiuta di scusarsi con una famiglia che è anch’essa parte del popolo romano, una famiglia e una sorella contro la quale si era lasciato andare alle sue solite espressioni truci. Il popolo dunque gli volti le spalle, gli ricordi che il popolo è fatto di ragazzi, donne e uomini che lo Stato deve sempre rispettare e proteggere.

Infine, un plauso a quegli investigatori e giudici che hanno creduto nella possibilità di arrivare alla verità storica. Stefano non era morto perché era malato, tossico, scivolato dalle scale. Stefano era morto in quanto pestato, torturato fino a perdere la vita. Ieri, come ha detto Ilaria, Stefano ha riconquistato la pace. Insieme a lui, noi tutti invece abbiamo conquistato un pezzo di fiducia nella giustizia e nelle istituzioni"

Ps. Abbiamo memoria lunga di quando giovani come Stefano in piazze sessantottine, arrestati dalla sbirraglia assassina, finiti in carcere non ne sono mai venuti fuori. Abbiamo memoria lunga. E non certo proviamo emozione dinanzi al caso di Stefano Cucchi: no niente insensibilità, tutt’altro. Quanto l’amara costatazione, ce ne sia bisogno, di come il Potere sacrifichi due pedoni in divisa di semplice manovalanza. Infatti fateci caso: chi nella catena di “comando” da sottoufficiale sino al podio dell’Arma è stato condannato per omertà nel coprire la morte di chi, per caso o ventura, si è chiamato e ultimo in ordine di comparizione Stefano Cucchi? Un brutto giorno lungo dieci anni, il contentino dell’Arma & Magistratura da Stato Fascista. Salvini? Uno squallido figuro da Papeete, un buffone di corte: quella di Bruxelles!

Pss. Chapeau all’impavida Ilaria Cucchi

Sit tibi terra levis Stefano
search
pages
Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading