Manunzio

Lotta di classe a Beverly Hills (si vabbè)

Si potrebbe (ri)cantare così: “Faccetta bianca bell'europea aspetta e spera che già l'ora si avvicina quando saremo vicino a te (meglio sopra e turgidi) noi ti daremo un'altra legge ed un altro re...ti porteremo in Africa liberata e sarai faccetta nera come noi. Faccetta bianca bell'europea (pure americana stesso prezzo) vedrai come in sogno tante navi (odierni barcaroli bianchi pure via Soros?)...Dite? Tutt'altro che il caldo tutt'altro, siamo alla fuffa orchestrata per Biden al posto di Trump, da non credere eppure è così. Squadristi neri in pari divisa che si alzano la mattina e per uguaglianza: zacchete sporco bianco. E vale a dire? Polizia go home, statue go home valori go home: robot sei tutti noi, no? No anche perché a questi bogombi ululanti da un albero all'altro come tanti “primati” sfugge come e proprio gli squadristi della prim'ora, negli Anni Trenta dell'italico Fascismo (ben visto dagli Yankee di Wall Street per non dire i City of London dirimpettai)che stabilizzatosi ed imborghesito relegò le cape pazze dello squadrismo nel MVSN (Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale alias post Questurini neonata Repubblica al corrente Polizia di Stato che da quella, per l'appunto, discende). Il gioco è chiaro, no? Ah ma ditelo che siete imbecilli glorificati (top e già scritto) e che ci vuole a ricordare la Rana & Scorpione di Esopo memoria: chiaro? No eh, ma allora fatevi in c...dove non coce 'o sole! Ammuina iconoclasta, meglio lotta di classe, guarda caso, a Beverly Hills alla #ToMe a pagamento lattifero per chi intende che la Bestia sempre 666 fa e di sti tempi in cui d'estate i virus vanno in vacanza: gnornò babbei, con o senza mascherina!
Vogue Slammed for Hiring Annie Leibovitz for Simone Biles Cover Instead of Black Photographer


Ps. Un giro su Web che se state a sentire il liquamosi di Stampa & Regime e catodica mo' mo' arrivate, vi si apre il retropalco di chi generosa + mente finanzia i bogombi neri: una volta gli agrari-Fiat dello squadrismo fascista, oggi le Apple Windows...e poi urlano sti africani però americani, parce que la classe n'est pas de l'eau, contro i bianchi. Buttano giù statue senza dir che colpendo Colon-Colombo si tagliano i santissimi; infatti del perché è nella “festa” nazionale” il 12 Ottobre di ogni anno ameriacano, il Columus Day: certo il “colombo” o meglio ancora la colomba babilonese...

Sogno di una notte di mezza estate

Vabbene bisogna pur trovare un titolo “nobile”. Sono le tre di notte e fa caldo e chissà come farà a “vivere” il Coronavirus, forse si è spostato all'estremo Nord più favorevole e forse meno chiacchierato dell'Antartico cui è impossibile, tuttavia, andare oltre certe terrestri colonne poco erculee ma molto extra: sembra il titolo di un film alla Bud Spencer. Insomma è caldo e ci alziamo paparienno: onomatopea voce napoletana che, sulla falsariga delle palmate piante di papera, ecco, intende più all'ozio godereccio o movimento per cose da fare però rimandate per motivi anche futili: alle tre di notte? E vabbé semp' papariann' è, uhh che ualler' ca sit' e senza sottilizzare che, appunto, fa caldo!
Dunque sopra la scrivania dove ci sta uno dei tre Mac casalinghi (due sono del grafico figlio Sky) la libreria (una delle tre domestica) con il mastodontico librone di, buonanima e Iddio l'abbia in gloria, Ando Gilardi ”Storia della Fotografia” per i tipi, uso dire, della Bruno Mondadori. Perché questi e non un altro levato dal piano sovrastante il computer? Boh e fa sempre caldo. Siamo lucidi e concentrati e maldisposti con Morfeo.
Posato il libro sul tavolo, siamo giunti alla fine del fatto, andiamo dritto dritto a Riis: chi era costui? Un europeo catapultato nella New York Fin de Siècle Belle Époque. Bella per gli aristocratici satanisti, sempre loro ma pure l'argento, che calembour a parte è attinente, accidenti, i fatti in narrato. Si perché questo Riis è stato il facitore della “bibbia” dei fotografi impegnati e noi irriducibili sessantottini (soldati nella Jungla dispersi ma vigili e non del tutto arteriosclerotici) ci addrizzano ancora certe antenne: vabbene pure anatomiche e ci siamo intesi il dove.
Finale anche perché Morfeo non fesso colpisce a suonn': drammatiche immagini, Riis, che al tempo coronarico corrente sono anticipatrici di questi giorni; maledettamente babilonese formato, certo, catodico tra ventilatori (morti causa pressione dell'ossigeno sui polmoni, altro che virus) ciarlatani africani via OMS, ridens della satanica coppia Bill & Melida a circo Barnum, questi sì, veri untori e di Stampa & Regime: ci vuole un po' di acqua zucchero e limone per mandare giù ste immagini virali tout court e obbedire ob torto collo al dio del Sonno.
Dite? No a voialtri il caldo ha già fatto danni irreparabili su quei pochi tristi e solitari neuroni: vi han promesso il vaccino? E pigliatevill' non tardate a prenderlo, qui senza calembour, per chi intende, altrimenti buonanotte, ecco!

“In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me” Matteo 25. 40


Jacob A. Riis on How the Other Half Lives & Dies in NY
https://www.youtube.com/embed/K3NwFB9zuF8


Ps. Enzo Biagi a parte che su le ore notturne ci aveva visto giusto, quelle della notte dopo la mezza sono di una cadenza modulate dallo scorrere particolare: certo dalle tre e sino alle cinque mattutine bisogna prestare particolare attenzione...ore che un tempo pagano piazzava in piena luce e non necessarie demoniache come quelle e denominate controra


Eloquente immagine di ciò che era la diretta Coppa Italia, Napoli-Juventus, le gradinate alle spalle tanto dei partenopei che juventini completamente vuote: senza nessun supporter

Giuoco (virtuale) Napoli-Juve
Non colui che ignora l'alfabeto, bensì colui che ignora la fotografia, sarà l'analfabeta del futuro.
Walter Benjamin


Partita di Coppa Italia sopportata a fine solo del primo tempo, anche se chiaro che “letali” napoletani più dell'acquea a sponsor avrebbero incasellato il risultato.
E vi siete accorti: di cosa dirà l’inviperito juventino contro il Sarri coach che non ne imbrocca una? No eh.
Flash-back, a casa i figli han giocato a calcio virtuale in primis con Amiga, computer grafico di trent’anni addietro in sorta di Ritorno al Futuro, in seconda con PlayStation succedutosi negli anni e grafica a complemento. Anzi a volte con l’allaccio a schermo gigante tivvù la sensazione di assistere una partita “reale”. Certo detta così non se ne esce, ma se usate pazienza e testa in fine capirete, volendo.
Ora tra la PlayStation e circondario terrestre nessuna differenza? A prima vista sì, anche se quando la mattina appena alzati la visione sa ancora di nebbie sonnolente, c’è bisogno del classico caffè a rimettere ordine fra questo (sonno) e quello (circondario terrestre).
Siché anzidetta formato Coppa Italia grazie alle mirabilie di Mamma Rai, che non lascia mai i figli suoi eterodiretti su le note di Lucio Battisti ne il Veliero, crea spettatori su gli spalti (che le norme non vogliono più della peste Covid-19) agitanti più che bandiere, rigorosamente Tricolore patriottardo, presi dal ballo di San Vito lungo l’arco della partita. Finto che più non si può, tant’è vero che le riprese in replay del match mostravano spalti nudi più del Re, anzi in perfetto stile Undici Settembre la narrazione in Computer Grafica 3D spacciata per “vera”, l’anima in stile Coronavirus pur sempre in 3D via Oms & Co. è per videodipendenti.
Cui prodest? In soldoni si è assistito, grazie al servizio detto Pubblico, ad una messinscena a supporto Pandemia a reti omologate in Mondovisione, Stampa & Regime prezzolata che l’ha inventata di in-sana pianta.
E così mentre le attempate sessantottine, a libro paga di Soros & Co., dal ricordo sbiadito gestione della loro “matrice” ugualmente l’odierna regia formato Coppa Italia o la vera essenza del Coronavirus: Grafica 3D per l'appunto come l’Undici Settembre, in entrambi gli eventi uso di omicidi e sangue rituale!

Morale della sceneggiata: educarne uno per educar cento e mille milioni, così da qui alle prossime invasioni extraterrestri, via ologramma Blu beam come già apparizioni dette celesti, un gioco da ragazzi per il goberno mondiale; chip sottocutanei di apocalisse memoria, de-popolamento e libri in ristampa del sulfureo Salgado e sua Genesis, rigoroso bianconero di un modo per pochi eletti stile neo leggi “granitiche” Georgia Guide stone

Napoli - Juventus 0-0 (4-2 Dcr)Highlights 17/06/2020 HD
https://www.youtube.com/embed/QcI09pjjAho&feature=emb_logo


Ps. Lete, sponsor del Napoli, che rima con letale, o meglio letargia, sonno indotto, è quello stesso del Mito : L'opera latina più famosa che ne parla è l'Eneide di Virgilio, nel VI libro, e le anime dei Campi Elisi vi si tuffano quando devono reincarnarsi dimenticando le vite passate, secondo la concezione pitagorica della metempsicosi. Le anime che per fato devono cercare un altro corpo, bevono sicure acque e lunghe dimenticanze sull'onda del fiume Lete (En., VI 714-715). Lete (fiume dell'oblio)

Pss. Mentre linkiamo alla pagina della partita via Rai, esce un "errore" troppo stupido per i nostri gusti, allora alleghiamo a piè pagina le immagini riprese in diretta ier sera con iPhone, e vediamo se si verifica un altro "errore" di debunker

Schermata Napoli-JUve



Coronavirus delle mie brame

Non ritorniamo indietro ad occuparci di qualcosa mai esistito se non via Stampa & Regime. Tuttavia se “evento” si è trattato qualcosa deve pur dirci, anche alle nostre latitudini di “addetti alla fotografia”. In breve la coperta Covid-19 è tutt’altro che corta, anzi. È una grossa partita a scacchi. E tra queste mosse ben si inserisce una vicenda tutt’altro che peregrina, casomai a tutti gli effetti cartina di Tornasole di un Kapitalismo terminale quanto meno nelle forme sin qui “conosciute”.
Sia come sia è del tutto ovvio e naturale che il summenzionato altro non è che un Immagine, luciferina senza dubbio, che si moltiplica alla velocità della luce infernale che un banale virus (più di sen fuggito quanto lab) gli fa un baffo.
Immagine si è detto, e di convesso chi le spaccia per il terraqueo del Unico Pensiero, da un McDonald’s a Windows Apple Google e via enumerando. Immagine prodotte da fotografi, si vabbè anche un ragazzino con iPhone, che strutture ino +cul+ano in miliardi di teste per lo più vuote già di vuoti a perdere. E sin qui si potrebbe dire transeat: prima RM (fotografie pagate in base a ciò che si intende farne) sempre più Royalty Free (pochi spicci pagati per farne uso in Eterno) poi manco più questo. E il richiamo all’Agenda malthusiana Covid-19 non è casuale, tant’è che il morente Kapitalismo non ama più nessuna regola sentendosi, meglio immaginandosi, nella parte di Homo Deus come certi libri di aberrante narrazione dicono: contenti loro che dire di più? Noi siamo d’altro avviso siam bombaroli come ci ricorda ancora il buon Faber

Agenzie Stock fotografie

Nb. RM sta Rights Management mentre Royalty Free l’acquirente con poco centesimi acquista in Perpetuo l’uso dell’Immagine, che a sua volta rivenduta o ceduta per tresche indicibili, finisce in ogni dove pubblicitario



Ps. Come tutte le merci anche l’Immagine fotografica, meglio sarebbe fottografica dal verbo fottere tutt’altra anatomia normale, quanto è soprattutto retrostante, raggiunto l’ipersaturazione della domanda offerta per sopravvivere deve tagliare i “costi” nel caso: perché si pagano le foto e loro proprietari di copyright?

Pss. Nell’elenco dei “donatori” son esenti certuni, fotografi profumatamente pagati per questa o quell’altra mission del tipo, metti caso, il Call annuale della Pirelli che, nel caso, di certo non va a pescare nelle Stock Agency: la classe elitaria non è Discount



Due + Due fa sempre cinque

Lo vedete? L’Iddio universale la perfezione cosmica la numerazione stellare come sfere celesti: tic tac, tic tac. Ah che bello la perfezione: due più due fa cinque. Vi vedo perplessi, ma un passo indietro che poi vi toglie la voglia di essere quel che siete: conformisti.
Dunque Anni Settanta Magistrale: sì Manunzio sarebbe un maestro scritto in minuscolo altrimenti si incazza il Magaldi e “fratelli” (sorelle no?) con grembiulino massonico va da sé. La prof di Matematica, qui caps letter ci sta tutta, all’ultimo anno, allora erano quattro il cursus, pontificò:”Ragazzi nella vita vi bastano le quattro operazioni”. Che dire? Altro che crolo di Muro berliniensis, scoprire che la Madonna…Ma come i teoremi, i postulati o dogmi laici tipo sesso degli angeli, e centottantagradinternideltriangolo, gli iuppsilon ics e zeta? Crollati miseramente. Quel che è peggio croallava che la “matematica” serve a ragionare, ma come scritto altre volte, serve ai ragionieri di Casoria…
Insomma una tragedia che il triangolo costruito su, un corpo immerso in un liquido, Eratostane e suo calcolo circoferenziale per misuare la Terra, per un punto passa...due rette parallele non si incontrano mai e poi mai. Veniva giù in definitiva tutta la “matematica”, euclidea si capisce. E meno male che in filosfofia, quanto a speculazione dal latino speculum, eh avessi voglia il Manunzio…
Solita tiritera poi mica tanto di come le coazione ci conformano: ripeti e ripeti come diceva qualcuno e qualcosa rimarrà attaccato come le fesserie anzidette. Ci spieghiamo. Se fino al giorno prima, corrente Pandemicus Anno Domini 2020 bisestile, il metraggio imposto nelle relazioni interpersonali, causa l’inneffabile e soprattutto invisibile virus, consentiva certa “protezione”(de che?) e nel momento in cui a salve si parla di ripartenza (altro giro altra provola?) ci si aspetterebbe (due più due) la metratura non cambi: e invece zacchete beccatevi due metri. Immaginate la cosa, chessò al bar: e quanto lungo sto bancone per il caffè? E invece di agevolare la ripartenza, raddoppi la metratura che, oramai evidente, più del contenimento virale (sto virus sembra un’araba Fenice, che esiste ciascun lo dice dove sia nessun lo sa) è per evitare che le energie umane, non parametrizabili caro Odifreddi bello e nichilista sopraffino, l’un l’altra si coalizzano per la rivoluzione. Sanno bene, anche Magaldi fintotonto, che le puttanate (da tre mesi in qua) a mezzo Stampa & Regime sono come oro di Bolgna: patacce che diventano nere per la vergogna una volta tolta la patina dorata. E come vedete il nuovo “universo” concentrazionario o lager papale papale: due + due fa cinque, sei sette pirandelliano: così è se vi pare (dopo avervi vaccinati di non si sa cosa però l’importante è finirvi). Forse ancora meglio: Uno (miliardo) nessun (miliardo) o centomila palle quotidiane per la ri-partenza: ma come il giorno prima nun c’era na lira, anche perché celochiedeleuropa, mo’ esconono da sotto il materasso? Falso a mezzo stampa!

Rassegna stampa AD 2020


Ps. Nelle prime tastiere pesanti ed impossibili stile IBM il tasto del maiuscolo era indicato dalle lettere Caps, dal latino Cap(ital) letter quello stesso usato nelle steli e iscrizioni vario titolo su pietra del mondo romano per fermarci a questi



Sala ma cusa l’è sta roba?

Immaginiamo si tratti di puro omonimia e non già il Sala dell’Expo 2015 cui male lingue han fatto spetteguless’ di soldi pubblici. Sia come sia con quel faccione l’abbiamo visto tuonare, a reti omologate, contro suoi concittadini che difformemente dal Dpcm del Nonelettodanessuno Giuseppi proibisce, così come durante il buon Fascismo, gli ostinati lungo i Navigli già in associazione (a delinquere art. 416 Codice penale?) in-forme di “assembramento”. Milano da bere quale luogo ameno dove vivere.
Di certo sono le brutte compagnie cui, del tutto involontario, ottimate Sala si circonda del tipo Giannini di Repubblica o il pasciuto neo direttore della stessa “testata”, il buon Molinari buon ebreo doc ex Stampa di Torino, che come testuggine batte più ancor di un redivivo Don Donchisciotte: c’è gente che si diverte così.
Ma abbia pazienza squisito Sala lei che è uomo di “valore” e quindi “conta” (si può fare l’inverso come meglio è più opportuno) su i Navigli a quanto dato più che di perniciosissimo “assembramento” sembra del tutto normale “movida” come i bei tempi andatii ante Coronavirus natum via Fauci & Oms.
Sia come sia Giannini (dipendente La7 ma anche altrove) Molinaro-Repubblica le avran tirato anch’essi un brutto colpo, di errata percezione, ecco, della realtà abituati come sono a ricevere ordini dai soliti neo feudali transazionali, di più Europa e più Mes.
Un consiglio: la prossima volta chieda, chessò, ad un Oliviero Toscani ma altrettanto “presidente” Afip Gastel milanesi doc amici degli amici, se è vero che l’uso dei teleobiettivi, nel comprimere i piani per legge ottica, poi non raccontino frescacce ai pistola.
Infine dovesse essere ancora perplesso, una telefonata in Cermania dove certamente lei è di casa insieme ai Veneti, meglio Lombardo-Veneti di Francesco Giuseppe memoria, si facci passare anche solo il guardia porta della Zeiss, che le dirà che sì l’uso di teleobiettivi nel comprimere i piani li falsifica all’occhio “normale” ad uso ad ogni sorta di ribalderia. Dice? Ma certo ...quel ramo di Como...queste uscite “assembramento” non sa da fare ne oggi ne mai. Bravi, ecco, appunto!

Relazioni prospettiche
Lunghezza focale, angolazione e prospettiva
Navigli, 38 persone in 115 metri. La fake news di Repubblica ha una chiara valenza politica

La foto sui Navigli è falsa! Ci accusano per rimetterci presto agli arresti domiciliari


Ps. Ottimate Sala qui troverà un video casereccio ché noi più di tanto e non milanese che conta, di come a volte (regolarmente?) l’occhio è tratto in inganno per i più immondi interessi, sotto la Madunina tutta d’oro e piccinina che te brilli di lassù...



Last update

Non dico chi, si dice il peccato giammai il peccatore amen, proprio sui fatti in narrato il summenzionato peccatore, chissà se fa statistica, s'é fatto "certo" opinione nel vedere però il video, lo streaming quindi il movimento o l'ammuina di frames eterodiretti; e ci ha ragione Sala Repubblica di Stampa & Regime. Insomma il Coronavirus più dei polmoni, o meglio apparato cardio-circolatorio, ha distrutto il neurone triste solitario e finale vagante nel cranio del teledipendente



Click on image for more


Bellezza mia


E come incipit niente male: secondo me infatti. Per carità niente di quelle pippe sul concetto di Bellezza, che se lo poniamo ancora oggi si vede, ecco, che poi tanto assodato non è. E allora direte voi? Beh proviamo con quel che passa il convento di giorno in giorno che sembra tutto ad ore come puttanificio, ecco. Caso (case?) chiuse.
Forse sarebbe giusto, invece di bellezza mia, armonia allora? Peggio che andar di notte o giusto giusto in bocca al Coronavirus corrente, attesa del prossimo altrimenti sai che noia, e uno finisce indotto a cambiar can + anale.
Vabbene e diciamo pane al pane. E dove cominciare? Rotto per rotto da “bellezza mia”. Il fatto secondo Manunzio per “bellezza” è alquanto statuario, classico, composto, armonico, proporzionale: sì vabbè! Cose che al cambio corrente, e non da oggi, significano assolutamente un c...anone. E non di meno se è difficile dire del “bello” converrete che il “brutto” l’osceno, l’anatomico tavolo di un Gray televisivo, il trompe-l'oeil forse ci dicono cosa poi dovrebbe essere sta benedetta bellezza. Musa assente oggi giorno comunque lo si voglia dire perché il suo apparato vibratorio è negativo per gli inventori coronarici: insomma una 432 vibrazionale no altro sì bellezza mia. Ecco vibrazione e qualcosa di misurabile, indi “razionale” pensa te. Un po’ come dire dell’amore, altro addentellato della bellezza mia che per alcuni e soprattutto dalla cintola in giù, tanto naturale e tanto “contro natura” all’odierno che manu militari alla lettera ha soppiantato quello: dissonanza cognitiva o meno. Resta da capire la “devianza” di coloro i quali, maschietti e femminucce e più queste, il vibrazionale (stavo per scrivere vibratore!) dalla cintola in su, come poi vorrebbe il Poeta e tutto il Pantheon di santi et simila. Senza né capa né coda Manunzio! Tutto può essere paisà ma mi spiegate la cacarella (deiezione?) di questi satanicucci ossessionati dallo stare, la gente, insieme? Semplice le vibrazioni sono contagiose e non c’è virus che tenga: manco Cristo e si dia pace Bill e sodali antivirali a pagamento. E questo anche o forse soprattutto la “belleza mia”: contagio positivo che manda all’aria un, mettiamo caso, l’ebreo particolare Nettamiau, detto Bibi
Vabbè abbiamo detto più del dovuto per chi intende quanto agli altri, s’attaccano al c...anone corrente: de gustibus!

Zorba
Bolero
Ode an die Freude


Ps. Lo chiamano manu militari “distanziamento sociale” con la scusa del Coronavirus tengono la gente come morta gora coronarica; d’altronde con gente morta (prestate occhio al robot Zugerberg) che impone il debito babilonese cosa aspettarsi di più, un po’ come arrestare il...pensiero. Basterebbe consapevolezza di questo e Fauci Bill & Malinda Soros e Bonino, il Conte Nonelettoanessuno l’inespressivo zombie Chief Oms e simila, con tanto di Stampa & Regime ino + cul + atori di ogni nefandezza satanica, scomparire neve al sole: meglio evaporati come vampiri al primo raggio vibrazionale del Sole!

Pss. Siamo di bocca buona è il fatto di mettere un motivetto stagionale è frutto del “caso” navigando in Rete, ma che non di meno è coerente con quanto nel post. Va da sé che queste "arie" oggi non solo vietate e multate ma anche oggetto, come una qualsiasi Kristallnacht, di deportazione oops "confinamento sociale" in attesa dei forni di ben trista memoria...con lo stesso ago virale eugenetico: Mengele il giorno prima oggi Bill Gates & Co



Piano bar

Notizie che vengono tenute in disparte, meglio occultate: barcaioli come usiamo chiamare coloro i quali per “ventura” (muoio letteralmente di fame però hanno i migliaia di dané per il viaggio) provano a venire dalla Quarta sponda di Roma (così l’Africa durante il Ventennio fascista mai spacciato ma gagliardo corrente coronarico). Ma nel caso di specie immagine del post è tutt’altro sublimi + anale. Ora quando Stampa & Regime catodica passa, stacchetto della regia, al bel tempo o previsioni meteo che dir si voglia, si affida guarda caso al corpo mercenario della donna, anche quando il cielo, ecco, non è soleggiato: ma vuoi mettere una “mete + orina”? Il futuro, oltre che coronarico è donna, un po’ mignotta ma non tutti i “buchi” vengono con la ciambella, poi questione di tariffa oraria. E infine come tira una “mete + orina” suvvia: che dire? Senonché la fanno le richiamate, spesso anche in abito aeronautico per emulare i colleghi (maschietti repressi masturbatevi nel cesso, eh chemioterapizzata Emma Bonino d’antan via Soros) sotto il naso o più giù. E già, basta guardare quel pezzo di f...igura con freccetta: dice niente? Beh certo gli sclerotizzati a telecomando non ci arrivano: troppo difficile e il tempo è denaro. Per il restame è un volto (fotogramma estratto da Rainews24) con indice alzato che segna la rotta, guarda caso della Sicilia, dove avvengono gli sbarchi eterodiretti dal buon licantropo Soros, per la sostituzione manu militari quando mai azzeccata, degli italiani in primis e poi i cornacopi di europoidi: Islam uber alles, no? No. E certo non è “salvinismo” d’accatto o buonismo luciferino sul faccione da salumiere di Zingaretti...Memento audere semper, e ci proviamo “contromano”!

Ps. Di certo bisognerà contattare “Chi li ha visti” e dimandare della Segre processionaria per lo Stivale (ancora viva per coronariche vicende?) la Greta, che da ultima la fessacchiotta a telecomando ha regalato (a chi?) danari per l’odierno coronarico tempo di Greenwich; il faccione sorridente e barbetta regolamentare come ogni “compañeros” d’antan, via Benetton & Oliviero Toscani del pugnace Mattia Santori: che fine ficero regia, ahh?



Se dall’altopiano guardi il mare

A quanti è data la fortuna di salire in alto, metti di quelle litoranee che si avvolgono curva dopo curva, ovviamente sul mare, e questi apparire in tutto l’orizzonte da immaginare di trovarsi su di un isola circondato dalle acqua; metti una di quelle brezze che toglie ogni caligine e l’orizzonte finire con il cielo e viceversa: beh che dire? L’aria tersa e lo sguardo in ogni dove, ecco, la sensazione di spaziare per il terraqueo. Ora poesia a parte, bisogna avere uno sguardo che sia, non necessariamente, di litoranea o dal monte, su le bassezze umane, preconfezionate ed eterodirette. Esercizio diuturno per evitare di cadere nella trappola del déjà-vu e fregarsene di conseguenza, come zombie o sempre più robot che però non chiavano ma comandano ( in siculo megghiu cumannari ca futtiri). Boutade ma non così per un’altra volta, che l’immortalità ha dei costi per chi capisce.
Siché l’occhio del fotografo affilato per benino, questo è il discrimine con i minchiapixelisti il resto è propaganda e marketting (marchetta italica d’antaan o passeggiatrici serali) ne regala un’altra proprio su Stampa & Regime. Cherchez la femme? Certo può essere e come no di sti tempi cupi!

Ps. La sigla (fotogramma estratto) è quella che passa il convento Rainews24, non che le altre dette emittenti son da meno, ci mancherebbe, qui tuttavia continua a manifestarsi l’occhio onnisciente (così anche su i nostri libricini di catechismo) il paese degli “gnomi” svizzeri bankieri nati, come tra l'altro la WTO di Ginevra, oltre al cioccolato, luogo comune, e che l’altro giorno chiamavano elvetici. E del pensiero unico, o unidirezionale per la giostra degli acquisti, che non conosce sosta neanche sotto "virus" detto Coronavirus!


Click on image for more

Helicopter money...

Incomincia un po’ a rompere i c…abbasisi questa storia della “carità” pelosa. E non c’è dove sul mainstream(ing) uniformante delle sorti magnifiche e progressive del Covid-19, oops Kapitale che è la stessa cosa! Una guerra, no? Proprio così come nel film di Albertone “Finché c’è guerra c’è speranza”. E allora, ecco, che l’apolide neo feudale luciferino sotto attacco (mai visto in bimillenaria storia babilonese del debito che gli schiavi si rivoltino contro in maniera tanto virulenta che nemmeno gli spartachisti di ogni tempo immaginano, nell’oltre tomba) aprire il portafoglio, sempre pruriginoso: si tratti dei calciatori a “metà” stipendio o robaccia simile, diciamo, passi, fa sempre effettone, così come i lai eterodiretti contro i mafiosi che qui e là portano la spesa a chi non ha occhi per piangere: uno scandalo. Ma andateci piano perché il Conte zio nonelettodanessuno, da buon cristiano (discende dal ramo familiare di Padre Pio da Montalcino, secondo vulgata di Stampa & Regime) li libera tutti con la “scusa” dell’orribile “pandemia” senza ricordare che glielo aveva “suggerito” Leuropa che così non va Italia per i nostri “uomini d’onore”.
Ora quando i costruttori d’Immagine, qui sofficiume, incominciano pure loro ad ergersi come fa il serpente...c’è da stare guardinghi sul chi va là. C’era già stato il caso segnalato poi la volta della Serif produttrice degli Affinity in triade (tria sunt perfectione?) foto-grafica-impaginato. E adesso volete voi? Mammasantissima Adobe (nel frattempo che le televisioni omologate mandano in onda preoccupati giovani alle prese con problemi risolti con marchio Pshop, Ai etc) insomma la logica del Kapitale (sempre k come killer belve assetate di sangue adenocromo). Dice: ‘mbé tutto qua? Già tutto qua e che dimostra la fine di una certa “storia” alias Francis Fukuyama, già in auge dall’Undici Settembre famigerato, Pentagono annesso e molto connesso che dir si voglia per chi intende, si capisce!



Immagini al tempo di Covid-19

Chi ha una qualche infarinatura di informatica ricorda che l'introduzione dei primi computer desktop, a fosfori verdi adatti al ragioniere di Casoria, antecedente Excell mon amour, sa che inventata la scatola di silicio, un bontempone (Bill Gates e signora, come va tutto ok? Non si preoccupi è tutta invidia perché il suo vaccinissimo a tempi di record, quando si parlava minimo di 18 mesi: ossia 6 + 6 + 6 della Bestia inventore del corrente Coronavirus, lo ino cul + erà ugualmente per la legge dei grandi numeri babilonesi e che farà inorgoglire il suo pingue C/C) con Window 95 alias “oggi dove andiamo” jingle infame Urbi & Orbi si era trovata la quadra. Vale a dire? Semplice l'allora Norton assoldava schiere di scritturali di virus, così con la scusa del “virus” vendeva, che combinazione magica esoterica, antivirus. Naturalmente per la legge di quel tale, sempre agli albori dell'informatica e p' a 'ggente, dovevano progredire i computer ogni 18 mesi: ancora 6 + 6 + 6. I conti, ecco, tornano.
Siché antecedente l'Undici Marzo, ancora numerologia che associa sempre gli stessi apolidi satanici neo feudali senza patria e senza Iddio, se non il metallo o meglio carta, più ancora click da un conto ad un altro...ebbene codesti signori come ogni tardo autunno ino + cul + ano la 'ggente di antivirus, antinfluenzale: una manna per Big Pharma etc etc etc: salute! Pecunia non olet. Danaro virtuale ma denaro. Mo' invece? Ahi non c'è antivirus: dico ma Norton insegna niente dottor Fauci (nomen omen!) o dott. Ricciardi che non è della Oms salvifica?


Ps. Tra le innumerevoli “incongruenze” anche l'etichetta virale, a rigore di logica imbastita da Stampa & Regime via Oms, non regge: anno '19 ma la “pandemia” si erge come il mitico Leviatan nel 2020! Evidente la storia è quantomeno rabberciata: che gente sti “signori” sceglie per la sceneggiatura, possibile non ci sia di “meglio”?


Click on image for more

Lo sanno pure le pietre

Stiamo al gioco. E sempre pazzianno leggiamo ed auscultiamo, ecco, cosa ridice la vuota espressione di Stampa & Regime su la boccuccia, annaspata, e silicone di una Gruber qualsiasi a proposito del presente e sfuggevole ‘Viruss’: tutto e il contrario e una dannata fretta di chiudere la partita (con censura di scimitarre ndo cojo cojo) come un Undici settembre qualsiasi; di grafica 3D spacciata per “realtà”. Parto di fantasia. E stessa materia l'ineffabile Viruss’, che stravolge i sacri testi (da riscrivere ex novo) di biologia “animale” nel momento in cui i narratori prezzolati asseriscono suddetto invisibile essere resiste pure al caldo: tombola! Pensano costoro, quindi, di replicare ancora la sceneggiata con avvallo della Oms, benemerita più del consorzio umano della solita Big Pharma-Bill & Melinda Gates front end degli Innominabili, ben s’intende.
Breve tale e tanto l’ammuina sotto il cielo che anche un ex attore Ricciardi non ha più la copertura, ecco, della Cupola sanitaria mondiale, vedi link a piè pagina. E ci si ferma qui.
Controcampo virale, di nuovo, de facto ha creato frattura già e forse soprattutto d’immagine, come al solito. Senza frontiere senza regole senza cittadinanza, il mantra del globalismo luciferino: ieri. Oggi confini chiusi (l’altro tout court è l’appestato, e forse untore, sospetto da scansare a debita distanza) e guardie confinarie, se non ai nidi di mitragliatrici e cavalletti di Frisia poco ci manca (i militari e blindati sono già comunque in strada truccati da “poliziotti” con giubbino antiproiettile via televisioni di Regime). Aria cupa da impallidire gli anni di Piombo. Prima contraddizione non da poco. E se prima privato è bello, manu militari, adesso a babbo moto (letterale) pure la Casellati spocchiosa seconda carica dopo Mattarella (di certo da qualche barbiere) si straccia le vesti di chissà quale stilista nella Milano da bere (anticoronarico) per i disastri della pubblica sanità: e il giorno prima? E come mai il Non Eletto Da Nessuno Conte ha requisito le cliniche private? Però si fanno donazioni, manu militari pure qua, via catodo alla Protezione Civile, che tiene famiglia e non basta essi ciò che lo Stato taglieggiando in tasse devolve, ecco, a “protezione”: due al prezzo di niente.
Siché il liquame politico-mafioso, almeno a chiacchiere, vuole e nientemeno trasparenza, quindi regole, e mette pure mano alla tasca: ma non lo proibiva Leuropa delle banke franco-tedesche? Infine ma non da ultimo, adesso tutti ma proprio tutti a salve si riconoscono non meno che: taliani francesi e via enumerando. Eccezion fatta per taluni ebrei che si considerano non già etnia fra le altre, bensì razza superiore: squamati?
Si vuol dire che il Coronavirus ha inequivocabilmente fatto cadere la “mascherina” del globalismo alla Marchese del Grillo: io so’ io e voi nun siete che un c...oronavirus. Ma l’illusione ottica è tale che si attende, in modo fideistico, da un momento all’altro che tutto ritorni come prima, anzi, più di prima, nel frattempo la Carità pruriginosa fa la colletta: tempo scaduto.
Ah se state pensante ad un anticoronarico, si ricordi la trama di Penelope: di giorno già tutto imbottigliato per l'iniezione salvifica e fatale, peccato che di notte l'ineffabile Viruss’ è già mutato (o in mutande?) un’altra volpe, lapsus freudiano per altra volta! Cos’è Achille piè veloce e la tartaruga dei soliti sofisti? Al posteriore la ventilata sentenza


ANSA) - ROMA, 19 APR - Walter Ricciardi non rappresenta l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ma il governo italiano presso il comitato esecutivo dell'organizzazione": lo rileva l'Oms in una nota nel giorno delle polemiche sulle affermazioni di Ricciardi sul presidente Usa Trump. Le opinioni di Ricciardi, rileva l'Oms, "non rappresentano necessariamente il punto di vista e/o le politiche dell'Oms e non dovrebbero essere attribuite né all'Oms né ai suoi organi".



Prove tecniche

State al gioco. Dunque infezione indi reazione (avversa come minimo) infine vaccinazione. Dite? Ma è la tripartizione del ben più noto problema-reazione-soluzione (finale) non si sfugge date retta. Infatti non si scatena “pandemia” senza un quadro ben lineare in mente: niente per niente non esiste. Certo la reazione scalcagnata degli inoculatori, quando becca qualcuno di loro mette di buon umore. E dagli all’untore, semmai il cittadino girovago che poco si rassegna allo Stato (chi è stato?) di Polizia o se ne inpippa di meno.
Sia come sia e giunti al pinnacolo tutto sembra, grazie alle televendite di Stampa & Regime a reti unificate su le note dello state a casa e tutto andrà bene, risolversi. Sembra ma non certo. Anzi ora viene il bello. E si perché la serrata di tutto e di più, se da un lato abbassa (?!) l’influenza ingegnerizzata maligna, dall’altro mette di fronte al fatto che non tutte le fasce di popolazione hanno soldi per primari bisogni in fronte al carcere indotto di una Nazione (fabbriche comprese) intera. Tant’è vero che solo ora saltano fuori i soldi per correre incontro ai bisogni primari del “popolo”. Prima ce lo impediva L’Europa (che sbatte ancora porta in faccia e come avvoltoio attende di sbranare i pezzi in svendita del patrimonio tout court italico, novella grecia) e di dirottare i dané verso Macron-Merkel, loro banche. Invece adesso social-card quante ne vuoi e miliardi a sostegno della famiglia, casaomai da dirsi con accento siculo. E proprio in Trinacria, leggevamo, è partita una prova con quei dieci (probiviri?) che al supermercato e con carrelli pieni reclamano non doversi accreditare niente poiché non ci sono soldi in tasca. Furbata pubblicitaria della Mafia, mentore, insufflata da Cia & Mossad del caso: Sicilia dello sbarco millenovecenoquarantarè concordato tra gli Yankee e i Mammasantissima italo-americani qualche decennio fa pro Stars and stripes; poi di Salvatore Giuliano in quel di Portella della Ginestra; Mattarella Pier Santi, Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino...Totò Riiina e lo stragismo Anni Novanta (vedi link fondo pagina). Ecco solo così alla buona per dire che in Sicilia si sta sperimentando l’ino + cul + azione della rivolta. E mica Masaniello d’antan. Dite: che centra tutto questo? Capisco che l’unico vostro neurone se la gode come pazzo nella relativa scatola cranica, ma non abusatene. Il Coronavirus è il front end di un retrobottega di spartizione del Mondo, e meno male che da noi sono arrivati come testa di ponte i russi. Già quelli della Terza Roma, ma vi vedo con facce bovine...Non se ma quando l’assalto ai forni di manzoniana memoria. Peste. E cosa sennò?

E ora preoccupa il sud. Provenzano: servono risorse subito, tenuta democratica a rischio. Lamorgese dopo l'assalto a un supermercato di Palermo: fermezza contro l'illegalità


NB. Anche quando riportato in link non significa affatto che sia oro colato, spetta a chiunque, quindi, ne legga di usare il proprio cervello e farsi di conseguenza propria idea di fatti e circostanze




Alle radici dell’infamante Seconda Repubblica: 1992: lo Stato salta in aria


1993: i notabili del Britannia privatizzano, accompagnati dalla fanfara delle bombe “mafiose”



PS. A latere e non troppo l'inusitato Vittotio Sgarbi su Byoblu



Fake news e sai che novità


Beh certo pensar male si fa peccato, però ci si azzecca, così l'ineffabile coniatore Belzebù-Andreotti gran commis della Prima Repubblica italiana. E con l’Esercito in strada: siamo in Guerra, no? E in ognuna di essa la prima a morire è la “informazione” pestilenza ad enne potenza.
Senonché anche in epoca digitale il “cancelletto” (una volta in forma liquida per gli errori/orrori/ribattitura detti eufemisticamente re-fusi ai tempi delle Linotype, quando si costruiva la pagina del giornale fondendo letteralmente piombo in forma di caratteri mobili) è una santa benedizione, quintessenza di Stampa & Regime eterodiretta. Siché, nel caso di specie, basta che la “didascalia” a corredo di una foto eradicata da altro luogo fatti e circostanze venga “sovrapposta” intenzionalmente nottetempo da una Cia & Mossad qualsiasi, et voilà il gioco è fatto il falso circa il coronavirus bergamasco di specie è servito. Ancora se la stessa immagine, manomessa da manina prezzolata, viene teletrasmessa: bingo da rivoltare Goebbels nella tomba infuocata con l'attribuitogli: “Calunniate, calunniate; qualcosa resterà “.
E per finire accludiamo un’altra immagine (Progresso Fotografico Serie Oro 2, pg. 12) sempre di guerra non meno “manipolata” di quanto appena detto, per chi intende e non ha anello al naso come mandrie al traino

Bare Bergamo 1

Bare Bergamo 2

Bergamo e fake



NB. Anche quando riportato in link non significa affatto che sia oro colato, spetta a chiunque, quindi, ne legga di usare il proprio cervello e farsi di conseguenza idea di fatti e circostanze



PS. In questi giorni in cui il redivivo Terzo Reich (Ue a trazione Cavalieri Teutonici) dichiara chiuse le frontiere, il giorno prima con impeto di buonismo interessato l’esatto contrario; “testimonial” della narrazione Urbi et Orbi telediretta a reti omologate il corpo innocente (omicidio rituale per la Bestia apocalittica) del piccolo Ayal è servito al grido:“accogliamoli tutti” della persa guerra siriana mediorientale via Sion

Pss. Non risuta che i “vertici” della Piramide giornalisti nazionali italioti han detto alcunché al riguardo: natural + mente

more
Progresso_Fotografico.pdf (13.72 MB)



NO WORD

Last update 10 marzo 2020
Nemmeno l'attimo di rendersi conto e attenzione su le televisioni di Stampa & Regime, in esondazione di fake news a ritmo di criceto in gabbia su ruota, dell'infezione quanto mai appropriata e giunta al momento opportuno, secondo stacco della regia, del Generale di Stao Maggiore dell'Esercito italiano; come dire infetto la "testa" figurarsi l'esercito tout court. Cui prdest?
“After the Governors of Lazio and Piedmont regions also the top officer of Italian Army has been found positive to COVID-19. The Chief of Major State, General Salvatore Farina, resulted yestarday infected by coronavirus. It is he himself who makes it known”
Sito VT


Ventimila soldati sbarcati in Europa per combattere la guerra al Coronavirus? E più dei Russi cosa c'è di più virale? Prima la Cina ora la Russia i Kazariani sionisti cercano il cosiddetto "uno, due" del pugile. Pia illusione
"Sono cominciate le grandi manovre volute dagli Stati Uniti che si concluderanno ai primi di giugno con la conquista del Cremlino e la cattura del cattivo Putin. Almeno si spera che, al terzo tentativo, dopo Napoleone e Hitler, vada meglio".
Italia Oggi

Come ai tempi della Legge Reale per combattere le Brigate Rosse (le stesse del Rapimento Moro) addestratesi alla scuola dell'Hyperion parigino e relativi posti di blocco e sospensione dei diritti indivuali, la sceneggiata si replica a gran richiesta mentre il crollo delle borse è assordante

Coprifuoco: siamo in guerra, anche se non si sentono spari
Coronavirus per annientare la popolazione mondiale
search
pages
Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading