Manunzio



Vedete voi se è cosa...

Infatti per anni surfando su la Rete si cercava, invano, il Commissario Maigret. Il poliziotto che da noi vestiva i panni dell'insuperabile Gino Cervi (e Andreina Pagnai consorte) su le tracce che, di volta in volta, gli sceneggiatori traevano dalle novelle di George Simenon, l'autore per l'appunto di Maigret nella Parigi d'antan e ricostruita in sceneggiati televisivi Rai Anni Sessanta. E quando si accendeva il televisore rigorosamente in bianconero, la sera tutti davanti il cinescopio (novello focolare)come al cinema scorrevano i frame delle “Inchieste del Commissario” . Ma al cambio odierno gli sceneggiati di Maigret-Cervi pare archeologia paleo qualcosa. Eppure tutto si è sperimentato, veniamo da quelle atmosfere Anni Sessanta, compreso il pennino nel calamaio del banco di scuola, riempito d'inchiostro tutte le mattine dalla bidella che ne versava da un bottiglione: le Bic verrano dopo. E i quaderni Pigna avevano tutti l'ultima pagina, dov'era stampata la tabellina pitagorica, assorbente per “tamponare” l'inchiostro.
Maigret e sua Sureté, il corpo francese di Polizia oggi passata in Gendarmerie, e forse i Flic (poliziotti) sono gli stessi solerti come negli sceneggiati. Ci piace immaginare così, anche se proprio i “gendarmi” in alcune serie tv...ha più spesso le phisique du rôle d'une femme.
Bianconero scritto e riscritto come forma mentis, costume condiviso, e da qui a fotografare con la tavolozza colore dei grigi un fatto del tutto naturale. Oggi a telefonino per “emulare” la cosa si usano i filtri che desaturano i colori, e il bimbo (anche di cinquant'anni) che sta al telefonino e manda la miliardesima mail quotidiana è tutto felice e contento: casomai a tavola con amici si passa la schermata. Bambinoni conveniente alla giostra degli acquisti non a caso di nastri pailletes nani e ballerine a colori, ça va sans dire
Un'ombra su Maigret


Ps. Fino a quando erano in circolazione le cassette Vhs di Mammasantissiama Rai, che ci lucrava con il riversamento del Maigret italiano, gli episodi si vedevano sul piccolo catodico domestico; adesso riappare il Cervi poliziotto su la Rete delle meraviglie, che sembra fare il verso a quelle altre del famigerato Cacao Meravigliao di Arbore memoria: corsi e ricorsi storici, Vico a parte


Il numero di Dicembre TF 1969, sebbene il primo è del Novembre precedente, con Giuliano Forti, passato in seguito alla Redazione di Fotografare di Cesco Ciapanna e da tempo cessata pubblicazione, poi a dirigere Reflex sino al 2016 quando anche questa chiude i battenti, in un articolo introduce i novelli fotografi allo sviluppo del negativo e quant'occorre ad esso con successiva stampa in bianconero. Nell'un come l'altro caso bisogna avere discrete conoscenze sull'argomento camera oscura, forse non proprio di un Ansel Adams o Alfred Stieglitz, padroneggiare dallo scatto allo sviluppo negativo e stampa, con quella “previsualizzazione” del risultato finale (teorizzata proprio da Adams) è viaggio che dura tutta una vita, tante le variabili in gioco e tecnologia che nel frattempo muta insieme al gusto di chi sta dietro lo specchio reflex, à la page telemetro Leica, guarda il mondo e ne dà forma


Panta rei proprio così tutto scorre via e non ci si bagna due volte nelle stesse acque (del fiume). Cinquant'anni che sembrano, ai tempi di Internet, forse cinquecento va mo' tu a sapé. Sia come sia una vita passata dietro la fotografia, iniziata ai tempi dei pantaloni corti e in modo sistematico dalle colonne di Tutti Fotografi della Editrice Progresso, che pure leggevamo saltuariamente, nel lontano 1969. Insomma Manunzio non è un funghetto nato oggi, casomai nella Milano da bere...ma grazie anche ad uno zio fotografo "ragazzo" di bottega di fotolaboratorio che negli Anni Sessanta della provincia italiana che fu sviluppava e stampava anche il colore: 3M Kodak e Agfa (che seguivano ognuna un proprio ciclo particolare) e non ancora C-41 (altro step del Pensiero Unico) che tuttora sommerge le sempre meno pellicole a colori circolante ancora per il terraqueo

Man fotografo dal 1969

search
pages
Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading