manunzio.it logo



Con la bava alla bocca, senza se e senza ma

Un atto di guerra mosso, senza peli su la lingua (stanno dov'è giusto che sia l'anatomia turgida preposta) queste quattro sifilitiche zoccole del Sistema. Guerra che non è certo l'uso solo della scuppetta (schioppo in senso lato) in primis; non sono i missili questo e quello, ma colturale. Si brodo di coltura dove far crescere come un Covid qualsiasi di laboratorio (basta fare un giro su Internet per capirne, ce ne sia ancora bisogno, l'artificio di potere e controllo su l'Umanità è al tempo stesso la sempiterna malthusiana riduzione della popolazione a livello medievale e caccia alla volpe per chi capisce) l'odio. E del maschio bianco con bava alla bocca, le richiamate zoccole sifilitiche, sopra ogni cosa, mentre i neri...buoni ad ore o nei villaggi turistici per sole donne, però: c...apperi. E in questa giornata di otto, bel numero che non si radica più in fatto storico realmente accaduto ma si ammanta di viste notturne, questa sera in nightclub, a vedere e bagnarsi l'intimo slip dinanzi a maschi bianchi (alfa e beta o analfabeta che è meglio) ma pure neri o pure gialli, rossi, con tanto di attributi in slip accollati e le donne mettere monete cartacee nel richiamato slip: si sa mai. Era la stessa cosa dei maschi il Moloc del potere gli frega un cazzo una figa o un culo del fatto: divide et impera si coniuga o si declina alla stessa maniera. Quieta non movere e mota quietare!) Qui a questa latitudine di scrittoio virtuale uso dire “dievt' tu ca 'm' asseta je” traslitterato togliti di li (potere tout court) che adesso mi ci siedo io a cumann', comando, Il diapason, la nota La dell'orchestrazione nel caso di specie: donna. Femmina non è sinonimo né stato me sarà mai, spiace per queste maitresse piene d'ogni sifilide possibile ed immaginabile cui tenersi a kilometrica distanza, altro che un metro di Covid memoria!

WWII ‘Kiss’ Photo Stays on Display — VA Head Reverses Memo that Would’ve Banned It
https://www.breitbart.com/politics/2024/03/06/wwii-kiss-photo-stays-on-display-va-head-reverses-memo-that-wouldve-banned-it/

Il Bacio a Times Square: la storia della foto di Alfred Eisenstaedt
https://www.youtube-nocookie.com/embed/_tiVb29YM_c


Ps. Ci definiscono da mane a sera volgare che è tutt'altro che offesa, ché consociamo l'etimo latino e ne ridiamo di questo bestiario di andata e ritorno eterodiretto a telecomando: corpi vuoti come tanti Grigi. E poi non sta scritto “Sia il vostro parlare si si, no no, che il di più viene dal maligno?” Mt 5, 17-37.
Ah dite? Si e, ma, però, non bisogna essere volgare. Bene bravi. Giusto ma non sta scritto questo nel brano citato. E poi ciò che non proibito, dice il Diritto, è consentito. Palla al centro Grande Madre a pagamento.

Pss. La “storia” la scrive e riscrive chi vince: sai che novità. E al posto dei roghi medievali ma pure nazifascisti alla Kristallnacht buona per ogni cosa, un'icona del fatto storico non si può eradicare bruciare a rogo, non foss'altro che bisognerebbe bruciare le pagine di Life del caso Time square, libri, articoli. Una faticaccia non da poco: dai Dea Madre sifilitica di zolfo putrido, dai e insiti, ché le nuove pecore le nuove generazioni intruppate nel Pensiero Unico gli frega granché, tutt'alpiù “quando ci guadagno?” avviandosi alla cassa: da morto? Generazione Z l'ultima lettera dell'alfabeto latino (non ci frega dei segni degli Zulu Yankee) e che dire di più?






Process alternative

Darkroom per chi ha passato i migliori anni a mastriare (qui inteso sperimentare) il bianconero in Camera oscura sa quel che dice. Vivido il ricordo della “lanterna” giallo-verde che rischiarava tutto con sua luce inattinica, lassù in alto.
In media res e una vexata quaestio. Breve: Fotografia & Darkroom, sì da leccarsi i baffi per chi ne di tecniche alternative e potenzialità artistiche tanto quanto vi pare; ma pure maternità certa + mente surrogata. Sicché poi se iscritti a Loggia e/o Commissione (o due al prezzo di uno) con coppola e lupara, beh avete fatto Bingo, saliti sul carro di Gloria, verso il fossato a fine corsa ché tutto si ripaga: vero Faust?
E allora? Sentite a me qua l’unico (certo tipo) preset modello in ogni accezione è quello maschile fatto di tante cose non meno che fiamme fuoco, sangue e Adenocromo. Tuttavia su questo valzer eterno alla “Danubio blu” pure il femmineo adeguandosi se la canta, suona e autoscrive pro Cicero domo la “storia”; e sì certe signore con bava alla bocca asserragliate nelle tenute ad horas di tele-giornali e riviste patinate, prodotto di aberrazione a telecomando...


...si sa che la gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel Tempio, si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare cattivo esempio. Così una vecchia mai stata moglie senza mai figli, senza più voglie, si prese la briga e di certo il gusto di dare a tutte il consiglio giusto...
Bocca di rosa Fabrizio de André


Sicché prendiamo per buono quando preposto, e d'accordo con l’estensore se c’è materiale valido a contraddire i fatti, ben vengano. Seri scritti e non ideologici oh Dea Madre, ser(i)ale a pagamento 'nnanz' e aret'!



Ps. Attacco (Misandria) di vaiasse richiamate è tutt’interna al Cancel Culture (collasso in fieri Occidente) tranne quando, ste maîtresse, sole solette si soll + azz + ano con il turgido affare di turno ne villaggi turistici per sole donne, si capisce


L’immagine vede la tavola (Ultima cena alchemica) piena di personaggi forse in cerca di autore ed in nero (nigredo?) sovrastante una farfalla bianca (albedo?) per giunta femminile (Grande Madre!) attaccata o in segno di, a destra, in rosso (!) il Presidente Gastel con indice alto nell’ evidente ascensione finale (rubedo?).
Al centro il canuto napoletano Mimmo Jodice novello "fratello" Raimondo di Sangro principe di Sanservero con a latere, assisa a destra e dell'emisfero cerebrale, una riconoscibile “Maddalena” del Nazareno-Messia-Maestro.
Messinscena alchemica di trasmutazione, personaggetti scelti e selezionati uno ad uno, qui la Casta sacerdotale dei “fotografi”. A destra alla mensa (!) non in abito talare il barbuto Maurizio Rebuzzini già di Foto/graphia



Il treno perso, ancora uno: Giovanni Gastel


Proprio così: tutto ciò che si poteva perdere (treni navi aeroplano e metropilitano per far rima) s’è perso per incapacità mentale. Punto. Che bello se fosse così: bianco e nero. La vittoria, uso dire, ha tanti padri mentre la sconfitta è orfana. Doppia bellezza!
Incontro il Presidente (AFIP) Giovanni Gastel nello studio di Zuccolin, almeno mi pare chiamarsi, mentre è intento il “Comitato centrale” dell’Associazione fra aromi di cucina già di buon mattino. Infatti nel vano cucina dello Zuccolin studio una cheffa mastriava (si da da fare) tra fornelli e giallo zafferano. E dire che il risotto di giallo erbatico l’avevo provato la prima volta vent’anni prima dei fatti, anni Settanta del Novecento passato a miglior gloria, a più di duemila metri d’altitudine in quel di Sentrieres (Piemonte) dalle mani di zia Lina, sorella di mammà, napoletana di Ercolano: a famiglia, le origini, di Manunzio sono sparse per tutta la Campania, un dì detta Felix. Mah.
Avevo portato seco, mamma mia che poetare, una cartella di fotografie, reportage dell’Ora meridiana e le mostravo a quei fetenti di “fotografi” à la page di moda e réclame varia: eravamo, Cicero pro domo Manunzio, al solito, in anticipo e su i tempi della Milano da bere, provincia della provincia come cantava il Signor G(aber).
Sembrava, anzi, il richiamato Comitato, d’essere osservato più per le fotografie come attrazione circense, da animale in zoo comunale! E l’unico che ci capiva più o meno era Giovanni Ilardo associato al Vezzoli studios lombardo, napoletano d’origine che dell’ora contraria ricordava qualche “fattariello” di gioventù.
E venne lo sguardo del Presidente: uhmm. Il Gastel fotografo di Moda, noblesse oblige, con trascorsi di still life, disciplina iniziatica dei fotografi che tali si dicono. Iniziazione, pensa te, non come i grembiulini di Rito York o Scozzese o vattelappesca. Luce e che luce, pure qua. Una fratellanza di liberi fotografi più che muratoria mestatori! No niente iscrizione a Logge, ci mancherebbe di trovarsi ad avere per “fratello” metti caso Gioele Magaldi, si, quel furbo di tre-cotte “Massoni a irresponsabilità illimitata”; della Milizia (fascista?) Roosevelt durante la furbata del Covid, arma chimica di depopolamento e non la finiamo più.
Sia come sia poi lungo il tragitto degli anni Novanta passati, il Comitato (bella tavola imbandita vedi cover) sotto l’affabile Gastel lasciava gli ormeggi del vecchio associazionismo di fotografi, sempre à la page, per solcare il mare dell’Arte (famose o famigerate, cambio d’ottica dipendente, la sua invenzione: Lectio Magistralis) pensa te, nel momento in cui il Gastel (ne scrissi ad personam) riciclava le sue “istantanee” così la sua autobiografia letta e riletta con riluttanza, di Moda fatte passare, ecco, ad Arte. E ci vuol poco nella Milano d’antan di amici degli amici lo scambio, sempre ad arte si capisce. Maîtresse asserragliante in redazioni di giornali, zoccole rotte davanti e di dietro; richioni, oops checche, impenitenti lo zoo di mostri a fabbricare il nuovo Gastel più bello e gaio che pria: grazie. E grazie al c...omitato nacque pure il nuovo logo AFIP (se vi va raffrontate in rete vecchio & nuovo) che se lo paragonate all’antecedente viene da piangere: time is money e nun ce fa perde tempo. Il vetusto l'espressione di “comitato” mentre il gastelliano a puntini qua e là (e ne scrissi e ne ricevetti dal Gastel “Non ti piace, eh!”) tipico di società allo sbando, e però a Stelle e Strisce because is very nice. No allora ed oggi che son rimaste manco le ceneri AFIP. Dipartito il President, che pure mi aveva scritto e lasciato un bigliettino “vediamoci”. Eh Presidente pur della stessa Classe lei è andato prima per mano del Covid, dicono, quanto a chi scrive...avessi voglia “dopo” ad incontro: basterà una Eternità?

(Copia & Incolla se vi pare)

https://www.manunzio.it/page-d9271

Giovanni Gastel - La ricerca dell'assoluto - Documentari Fotografici #16 - Biblioteca Fotografica
https://www.youtube-nocookie.com/embed/vgNyB6JOl74

“La Fotografia: Arte Applicata”: lectio magistralis di Giovanni Gastel
https://www.cnaviterbocivitavecchia.it/eventi/la-fotografia-arte-applicata-lectio-magistralis-di-giovanni-gastel/

Afip Lectio Magistralis
https://www.afipinternational.com/news/category/lectiomagistralis/






Il richiamo della Foresta
O che tu dici? Toscanaccio baffiforme come certe immagini (non imbiancate dal tempo) di Carabinieri d’antan, a prendere il poro Pinocchio di Collodi memoria, Dio bonino.
Richiamo che è na sirena e va dritt’ dritt’ al cuore e delle cose non mercificate LGBT+: camera oscura “trasmutazione” alchemica (siamo massoni inconsapevoli, ecco) della materia. Vero o men che sia la camera oscura, tanto “scienza” quanto e soprattutto “artigianato” amanuense, è un altra dimensione, diciamo, spazio-tempo. Sì, certo poi i soliti gallerioti con benda all’occhio, non quello di Horus mi raccomando, auto-prezzolati certo eterodiretti da Capo Bastone o Loggia, o due al prezzo di uno (!) le cose marciano così, dietro compenso rizzano (certi curatori e culattoni) agli oneri della cronaca internazionale; cumpariello meglio cumpariella di sti tempi della Dea Madre (Zoccolata e Zolfanel altro che Chanel fetore) fotografo, cui certe maîtresse da giornali “femminili” reubblic + ano per chi intende delinea artista-fotografo: soldi e vai alla cassa di mostre et simila! Oh e iniziano tutti e due, bastone/loggia, con M come la Mamma...un tempo molto andato o forse mai su le bande incrociate bretelle bianco e calzoncini e/o blusette i Balilla, sì, ma di Mussolini: Eja Eja alalà pesce fritto e baccalà!

(Copia & Incolla se vi pare)
https://www.youtube-nocookie.com/embed/DXpcP30OCnA






Il calzino e le cravatta

E che sia in continuità tonale (scarpe comprese) così il bon ton. A noi ci frega meno perché da sempre portiamo calzini in rigoroso bianco: classe non è acqua!
Siché nel circondario chiamato Terra, pensa te, il Kapitalismus è alla fine: no Fukuyama per cortesia che deve aver capito una mazza delle sorti magnifiche e progressive del…capitone, ecco. S’intende che l’immagine suadente e numinosa è de facto spenta. Anzi in un Era pregressa la Terza Guerra Mondiale sarebbe, e da mo’ scoppiata. C’è la deterrenza nucleare si dice. Più ancora in un circondario di macerie (né vinti né vincitori) si potrebbe vendere ghiaccioli agli Eschimesi evaporati con le altre etnie umani? Certo c’ è quella razza scellerata a nome ebrei (Sionisti) che ha in programma “Sansone”: sì, colui che disse la celeberrima:” Muore Sansone con tutti i Filistei” ma qui non ci occupiamo di Scrittura, se non a latere. Siamo o non siamo l’Occidente (chi?) giudaico-cristiano-greco-romano? No grazie.
Pistolotto per ricordare che anche i fabbricatori e di immagine trova fondamento il richiamato circondario, spina dorsale del Leviatano. E siccome uso dire tutto è spettacolarizzazione, quinte maldipinte, eccoci a parlare dell’incarnazione E-PL 10 di Olympus, che alcuni vogliono prossimo alla fine fotografica: Panta rei. Incarnazione a la page e documento funebre, ancora una della fotografia, diventata fottografia come si viene a scrive da un po’.
Dice e cravatta e calzini? Ah ma allora siete fessi con il cuore: la E-PL10 ovviamente dedicato alle signore, danarose e stupide oche della giostra degli acuisti, volete voi che codeste maitresse dopo aver copiato paro paro il modello maschile (!) la mattina prima di uscire a far shopping, non adattano la nuova Olympus (in più nuance) al loro disabille senza scuorno?

Man fotografo dal 1969



Il cloud è mio (e lo gestisco come mi pare)

Vabbene è degli Anni Settanta il jingle: “Utero è mio e lo gestisco io”. Gestione, azienda…delle tardone femministe via Nuovo (dis)Ordine Mentale che partorì, ecco, il suo Sessantanove…oops meno uno. E riguardo, poi stoppiamo, le attardate donne va ricordato che l’utero, poverine, lo gestisce Bighpharma & Co. E chi è cagion del suo male pianga se stessa, via Soros-Bonino e + Europa si capisce.
A noi dunque. Cloud nuvolette, progresso che è bello già la pronuncia, magico vocalizzo delle “sorti magnifiche” e pure progressive del Kapitale (sempre k as killer). A pagamento però il cielo di nuvole a pecorelle, non a caso. E ‘mbé? Ah sordi che più sordido non si può, sarebbe a dire che il “cielo” una volta libero mo’ è a pagamento come le prostituite che si affittano. Solo che nel caso di specie, qui la Maitresse è Adobe (e anche molti altri brand-y) che con le nuvole ci fanno i dané. Suite Adobe paisà a pagamento un’altra volta. Sola alla romana, si perché un Trump(etta) del caso via vecchio Bolton nel fare guerra al petrolio del Venezuela (ah a proposito: Guaidò eterodiretto stelle&strisce) come va la trattano ancora bene Cia&Mossad, e a quanto un altro colpettino di stato a salve?) a bloccato di tutto e di più. Venezuelani poveretti, i grafici tout court con la Suite on the sky blu non più. E sì perché nel furor vacui Trump(etta) bloccato ogni cosa, mica capisce più di tanto (a proposito di mondo interconnesso) e poi qualcuno gli avrà fatto capire che quando si esagera si esagera, e l’han riportato a terra il cotonato biondo ossigenato alias The Donald, oyee. E così quelli della Adobe possono ridare le nuvole (Aristofane?) ai malcapitati grafici-fotografi-videomaker venezuelani.
Morale della favola? Come i cinesi via terra neo avanguardisti delle setole, così se lo prendono nel c…ircunavigazione gli anglosionisti. Uno a zero per le potenze di terra contro le acquatiche che non si convincono che è finita.
Certo poi le persone intelligenti si “accattano” sostituti di Adobe-Phsop-Lightroom…e vivono felici e contenti, anche con un "semplice" Gimp, Scibus per grafomani impaginatori, o l’ottima suite LibreOffice, Shocut per i videografi. E con tanto di Luminar(e) giunto alla quarta botta. E naturalmente un mare di tanti altri di buoni prodotti (Darktable ante Lightroom) spesso “a gratis” o a poche lire per ogni scibile creativo. Tié e porta a ca’!
Adobe Granted License by US Gov to Keep Serving Customers in Venezuela


Man fotografo dal 1969





Leica uber alles, si vabbè

Che dire? Vabbene che Leica è Leica però il tempo (che è galantuomo) passa per tutti. E fa piacere che di giorno in giorno anche altri matti (?!) dicano ciò che è sotto gli occhi di tutti: non si può essere oggetto, ecco, di ogni stagione, che passano. Evidente a chi capisce di fotografia (divenuta nel frattempo fottografia per gli utenti detti finale) e al tempo del digitale è finita. Vale a dire la sua forma liturgia bonzi e presstitute (prendiamo a prestito il diverte conio prostitute + giornali tout court da Paul Craig Roberts.org) che l’oggetto in quanto tale non fa la fotografia e spiace doverlo ricordare a certuni cattedratici ed entourage che pensano la fotografia la fa la macchina fotografica (!): c’è da capirli meccanicisti luciferini come sono non possono che scrivere da macchine per macchine, il solito Pensiero Unico per l’altrettanto Nuovo (dis)Ordine Mentale formato qui da Vaccari qualsiasi e suo Inconscio tecnologico (solo per la fotografia però). E poi uno dice che non andrebbero al rogo libri e lor scrittori prezzolati!

The online photographer
Soul of Leica Products Has Been Eradicated

Man fotografo dal 1969

Cavalieri Templari & Pedoni ordinari


Immagine (delle ventimila circa dell'archivio per uso offset e/o web) presa con un vetusto iPhone 4, che più allure o vintage di così...il tutto giocato sul calembour “Mov(i)e” a fronte d'incolonnamento di Yeswoman à la page odierna per di più in bianconero: che dire ancora? Evidente che questo tipo d'immagine non trovi "albergo", allora deve trattarsi di Conventio ad excludendum verso chi nulla sparte latomista Pensiero Unico tout court; centrali che dicono, manu militari, chi come e perché fare fotografia e un tot a Supermercato, Immagine Suprema, dove tutti dal neo proletariato al sottoproletariato urbano fa “spesa” incollanti e paganti. Annuit coeptis

Il benzodiazepine (secondo Autobiografia in maiuscola per i tipi di Mondadori) Presidente ça va sans dire che in un momento di rara lucidità, poi, dice cosa condivisibile: “autorialità” vale a dire foto con allure. E non si sa chi dia patente all'uopo: rito di York, Scozzese...Opus Dei del Gregoriano salmodiare?
Scherzi a parte ma non troppo il fatto è proprio così. Certo nella sua veste il Presidente sta (corte miracolati anche) a cavallo, così nella agiografia scritta da sé medesimo: trovare una scritturale a pagamento come certe signore ad ore stabilite della sera sarebbe stato impossibile? Il problema nasce viceversa per i “pedoni” che non godono di nessun cavallo latomista per chi intende.
Quind facere? Poco o niente a dir vero. Siché se proponi immagini già di pubblico “demanio” di rimando: eh la Madonna ma ce ne sono già tante e per di più a gratis da Instagram et social cantando. Ah già: perché si pagano le foto?
Viceversa se fai l'”autore” rispondono in coro di qua e di là Atlantico mare:“...the images themselves are very nice, but we require a certain style for our clients”. Chips & Hamburger oyee così il sito di codesti signori che si occupa, nientemeno, di plastica spacciata per food. Cotta no cruda nemmeno, dite voi: come si fa?
Tu amico nostro non sei, così il baritonale Marlon Brando del Padrino, con pronuncia sicula..ahh. E poi fanno, gli amici degli amici, pure le pulci così en passant. Tacci vostri e de tu nonno!

NB. Bianchi/caucasici non ce ne sono in "prima fila" salvo due teste mozze sulla sinistra della reclame, su fondo di nome e de facto, pensano i satanisti ibridatori. Viceversa donne bianche, eh a fottere ecco, in primissimo piano con "dietro" negri africani per l'abbisogna riproduttiva di meticciato a buon mercato senza alcun diritto per fottere la Cina et simila in attesa che i robot li rimpiazzi; ferraglia che venderà ghiaccioli agli Eschimesi o aspirapolvere ai Tuareg oppure sé medesimi via, ancora, Guide stone Georgia.
Se si sta dietro zoccole e ricchioni (siamo politically incorrect come sempre) assimilati del Nuovo (dis)Ordine Mondiale che, manu militari, impongono il satanico Pensiero Unico: cazzi loro. Qui da presso e alla Manunzio gli smontiamo atomo per atomo il loro cazzeggiare


https://www.manunzio.it/-d8556

https://www.manunzio.it/-d8534

https://www.manunzio.it/-d8560


Man


Ps. Cavaliere al secolo Giovanni Gastel Presidente Afip nella Milano da bere (cos'altro?) nella agiografia "Un eterno attimo" Mondadori: casa e bottega per l'amico degli amici. Autorialità cavalleresca è nel riciclo di sue tante sempiterne Polaroid 20x25 per sarti vari che adesso trasmuta alchemica + mente in “arte” un tot a metro quadro, tale e quale pezze di stoffa sotto Polaroid e modelle con marchetta (street girl) di pari allure

Pss. Ma se questo liquame di agenzia/maîtresse/consorteria così bravi manzoniani perché non se le fanno, oltre le canne, le foto invece di rompere i maroni a noi altri "pedoni"?


Originale a colori

more
Move.jpg (3.04 MB)



Non le mandiamo a dire: ancora una a Forma Milano da bere



" Caro amico di Forma,questa newsletter è diversa da tutte le altre. Lo è perché sono io a scriverla - non quindi una Fondazione ma una persona fisica che in questa Fondazione crede e lavora - e perché vuole comunicare un’iniziativa importante e diversa da tutte le altre.

Stiamo cercando di realizzare un nuovo progetto, ambizioso e bellissimo come tutti i progetti dovrebbero essere: aprire una Biblioteca di fotografia a Milano.

L’idea è nata qualche anno fa, quando ci siamo accorti che in una città ricca di iniziative e punti di interesse fotografico come è Milano, mancava comunque un luogo di silenzio, di ascolto, di lettura, di riflessione - solitaria o collettiva che sia - intorno ai temi dell’immagine fotografica.

Altre istituzioni prestigiose hanno lavorato in questo senso, e creato importanti biblioteche che per noi sono e resteranno punti di riferimento; ma nessuna è all’interno di Milano.

Così questa idea iniziale lentamente ha cominciato a strutturarsi e a diventare da semplice sogno, qualcosa di possibile: una biblioteca specializzata di fotografia nel cuore della città, che sia aperta a tutti, con più di 6.000 titoli a disposizione di adulti, ragazzi e bambini. Un luogo culturale importante per Milano e per l’Italia.

Un progetto del genere, però, non si realizza da soli.

Abbiamo quindi cominciato a cercare altri compagni di viaggio lanciando da poco una semplice campagna di raccolta fondi. In una settimana siamo riusciti a raccogliere più di 1.000 euro in donazioni, tanti consensi e partecipazione. Per questo risultato vorrei ringraziare personalmente tutti i primi donatori.

La strada però è ancora lunga e saremo felici se tu volessi percorrerla, anche solo in parte, insieme a noi. Vieni a trovarci a Forma, in via Meravigli, per conoscere meglio il nostro progetto e capire i tempi e i modi in cui intendiamo realizzarlo."

Grazie fin da ora per la tua donazione,
Alessandra Mauro
Direttore artistico di
Fondazione Forma per la Fotografia


Il nostro modesto (?!) reply


Grazie per la email in "carne&ossa". Sono cinquant'anni e più che, volere o volare, mi occupo di fotografia iniziata ai tempi dei pantaloncini corti anni Sessanta grazie ad uno zio fotografo che stampava, pensa te, pure il colore nei miti Sessanta nella provincia italiana alla Vittorini.
Quello che lei scrive pensi un po' l'avevo proposto da "straniero" alla Milano da bere formato l'Afip negli Anni Novanta secolo trascorso, e se fosse presente Alfredo Pratelli passato miglior gloria ne potrebbe testimoniare: veniamo da lontano, ecco, e andiamo lontano.
Quanto a donazione la cosa è per lo meno offensiva e desta sconcerto, ma in un paesello come il Belpaese forse non il formaggio, perfettamente consono alla "carità" cristiana: Carlo Maria Martini docet.
Pertanto se di obolo deve trattarsi, meglio un rastrellamento tramite una “bella” mostra (ammucchiata?) e di nomi famosi: Gastel corrente Afip Presidente nonché, riciclatosi, tricoter (in italiano magliaro) a sedicente "artista" avessi voglia a certo allure. E lo scampato dal Ponte di Genova Oliviero Toscani (il Padreterno o chi per Esso vede e però ceca o dimentica uso dire) che dismesso i panni ruffiani di sedicente "progressista" ogni minestra televisiva, e alla United Colors del sodale Benetton (anfitrione o mecenate fate vobis, sì, certo quello di Genova anch'egli e delle 43 vittime su la coscienza) altro cavallo di razza. Un Benedussi che come i precedenti oltre ad ammorbare l'aere sottraendo indebitamente ossigeno al prossimo (Padreterno dove sei?) disceso dalla Cathedra di Lectio Magistrale et Sublime, con le sue scosciate e discinte donnine a ricreare l'animo gravato e gravato della Milano da bere, non stonerebbe tra nastrini e maitresse che, di giorno e vieppiù la sera, taccheggiano, come una Grazia Neri qualsiasi per strada in attesa di clienti.
E l’’elenco potrebbe includere pure i morti alla Gabriele Basilico e sue città fantasma, Cesare Colombo e suo Naviglio, e Lanfranco che non lo era (poi tanto fotografo quanto imprenditore) ma una birba di “mentore” ante-litteram in quella Via Brera, prima Canon poi Kodak “Il Diaframma” . Un gallerista e ante prosopopea MiaPhoto accodatasi (dietro input Star&Stripes e annessi ritardi storici della Milano da bere) alla fottografia che refuso non è per chi ha orecchi non certo a spartire la testa…Ecco che la cosa è lunghetta, e al codazzo mi ci metterei con tante belle fotografie (gratis pro causa s’intende) mai viste per il terraqueo. E solo in questo caso l’obolo, pur sotto forma di lascito fotografico da vendere per l’autofinanziamento della Casa, una volta del popolo, oggi della Fotografia, sarebbe ‘na bella cosa.
E nel ringraziarla una preghiera per lei della Milano da bere: guardi che non abbiamo l’anello al naso e non andiamo in giro come i vostri “padani” adorni il crine di corna seppure ad elmo.

La saluto cordialmente
Michele Annunziata detto Man(unzio)

Forma fotografia

Un eterno istante (con tanto di benzodiazepine à la page, autobiografia a cavallo di Giovanni Gastell nipote Luchino Visconti)

Oliviero Toscani 1

Oliviero toscani 2

Oliviero Toscani 3

Date del bromuro a Toscani

United Colors of Benetton



A stretto giro di posta e non le mandiamo a dire. E dunque la gloriosissima Forma (Belpaese Taleggio Parmigiano Caciocavallo o cosa?) per la fottografia, non è refuso paisà, questua per il “popolo” ma a gratisssss: shhh aumma aumma. Paisà leggi cosa mi email...

“Dieci fotografi di fronte allo stesso soggetto producono dieci immagini diverse. Infatti, se è vero che la fotografia traduce il reale, esso si rivela secondo l’occhio di chi guarda”
Gisele Freund

Caro amico di Forma, la frase di Gisele Freund riassume perfettamente quello che ho pensato quando ho sognato per la prima volta La Biblioteca dell’immagine: un luogo aperto e accogliente, un luogo in cui andare alla scoperta dei più grandi maestri della fotografia, incontrarli e confrontarsi con loro. Un luogo vivo di tutela e memoria della fotografia, della sua storia e della sua ricchezza.

Oggi iniziamo un percorso che vorremmo si concludesse nel più breve tempo possibile per costituire la Biblioteca dell’immagine, un luogo fisico che avrà sede a Milano e che intende diventare la più importante biblioteca specializzata di fotografia in Italia.

Un luogo aperto a tutti ai fotografi, agli studiosi, a tutti gli appassionati di fotografia. Ma anche a ragazzi e bambini. Saranno loro a inventare il mondo di domani, guardando quello che gli lasceremo in eredità.

Per questo la Biblioteca dell’immagine
• accoglierà un catalogo iniziale di oltre 6.000 titoli dagli anni ’40 a oggi, sempre consultabili, che si arricchirà giorno dopo giorno con riviste, filmati e altri preziosi materiali;
• ospiterà incontri con gli autori, percorsi didattici di approfondimento e gruppi di lettura;
• sarà un laboratorio aperto di condivisione dei saperi sulla fotografia.

La Biblioteca dell'immagine è un luogo necessario per guardare insieme al futuro e immaginarlo senza dimenticare il passato. Un luogo che ancora manca a Milano e all’Italia. Costruiamo insieme! Aiutami con una Donazione a realizzare questo sogno e puoi sostenere il progetto su Rete del Dono cliccando direttamente qui. Grazie per il tuo importante sostegno,

Roberto Koch
Presidente Fondazione Forma per la Fotografia


Da oggi Fondazione Forma lancia su Rete del Dono la sua prima campagna di crowdfunding per la Biblioteca dell’Immagine, un luogo necessario per guardare insieme al futuro e immaginarlo senza dimenticare il passato...



...eh che prosa aulica: aiutami paisà dice Koch il cocchiere con la C però che tengo e teniamo famiglia a Milano. L'operazione “colturale” è na bella impalata (non trovo al riguardo e su pari gratuità, ecco, un articolo di Giuliana Scimè che scrisse su Progresso Fotografico negli anni 90 secolo trascorso, naturalmente) per il popolino (s'immagina) bue che proprio questi propalatori inchiappettadores à la page da mane a sera e da decinaia e decinaia d'anni!
Aiutami supplica il “cocchiere” Koch: tu dare me tua fotografia (tante tante) eh, noi poi fare grana alla faccia tua, berò paisà tu avrai elevato nostro reddito in tempi bui di grisi (per gli altri, i gonzi come te babbeo) miga fessi noi badani della Badania/Lombardia con corne su elmo (solo lì?). Poi noi badani di Milano con fiasco da bere andare in giro e signore/ra danaroso dire: paisà vucumprà mostra colazione e brioches su fottografia 'taliana? Ahah noi della Badania mica fesso come te anello al naso, ah ah noi bravi ne troviamo una giorno: ca nisciuno è fesso. Si breso prestito da brutta barola napulitana, ma fa fare grana. Tanta tanta. Eh brorprio scemo ex Ministro d'un tesoro quel tesoro di Tremonti dire: “Cultura non fa mangiare” Ahah scemo no mangiare poco ma assai assai...ahahahaha Allakbar

Man

Ps1 Nostra risposta via mail a Forma con (senza) anello a naso!

Brava! Era ora uscire dall'ennesimo sottosviluppo "colturale" italiota e della "fottografia" poi nella Milano da bere (cosa più?) e delle Lectio magitralis di certuni "meneghini" a cavallo riciclatisi a "sedicente" foto artista con tanto di Autobiografia & benzodiazepine (banale psicofarmaco) formato Mondadori e coro di  Maîtresse un tot a marchetta serale. Brava! E come possiamo arricchire il patrimonio "colturale? S'intende dire accettate a gratisss opere che non rientrano nei cenacoli fottografici anzi detto? Ne saremo lietissimi di inviare all'Opus Magnum per un Biblioteca per il popolo (s'immagina non populista che allora...l'Europa non vuole) che così potrà abbeverarsi, dopo Mia Fottografia, all'Arte per l'appunto fottografica. Brava Fondazione e che qualche Numinosa Potenza ne conservi in Gloria. Brava!

Ps2 Per chi vuole con o senza anello naso, legga: “Storia culturale della fotografia italiana” di Antonella Russo per i Tipi di Einaudi editore, dove in Prefatio si legge:”Questo volume offre un resoconto ragionato della cultura fotografica italiana dal dopoguerra (1945) e considerazioni sulla condizione fotografia italiana contemporanea”
search
pages
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Accetta
Accept
Rifiuta
Reject
Personalizza
Customize
Link
https://www.manunzio.it/diary-d

Share on
/

Chiudi
Close
loading