Manunzio

Si fa presto a dire editing

E non ci riferiamo al solo Pshop, una santa cosa e ci ha pure viziati per noi che stavamo ore e ore in Cameraoscuranalogica (attaccato che è più figo ma non solo). L'altro editing, o malamente detto NLE per noi che ce l'abbiamo “fissa” l'immagine, e che avete capito, è solcare mari sconosciuti, o meglio deserti poiché poco acquatico per cultori di Kodak-Carousel-Simda centralina sincro colonna sonora...
Insomma “accocchiare” mettere insieme un lasso di tempo pari ad un secolo (nostro progetto) non è per niente facile, anzi. E hai voglia a preparare (due volumi di trecento fotocopie in A4) in sorta di story-board in guisa dritta per tenere rotta: in questo lo storico cartaceo d'antan oltre il grembiulino, una volta la tessera di prammatica del Pci, stendeva già tutto senza manco canovaccio tanto la “storia” e qualsiasi stava dalla sua parte che a scriverla “quasi” una perdita di tempo. Avverbio tuttavia utile a prebende carriere etc etc etc. Insomma un precottifico di coloro i quali, ancora oggi, camminano un palmo da terra e la ragione dalla loro (forse la legge morale hegeliano in qualche anfratto anatomico). Comunisti alla Antonio Cornacchione via Zelig.
Poi un giorno ti accorgi, sarà l'età o letture eretiche da impallidire Giordano Bruno, che i piedini ri-toccano terra, non foss'altro che le “chiese-ideologie” del Novecento si son squagliate come neve al sole: devo questo pure virgolettarlo Venerabile Magaldi?
Il darwinismo-capitalistico per reggersi ancora deve inventarsi pandemie, dall'altro il sole dell'avvenire con faccione gaudente di monastico fratacchione (tutt'altro che ossimoro e nel Belpaese poi) di di Xi-Jinping, vabbè si fa notte. Ideologie del Novecento e pure la cantava Gaber il signor G. 'mbè dirà il solito cretino che dopo perdita di tempo dietro, ecco, i minchiapixel se ne va da cretino glorificato (massimo cerchia angelica ben oltre il trentatreeismo di rito scozzese umidificato rettificato a puntino per l’abbisogna) a fotografare morti per il terraqueo, spacciando le sozzure pure per fotografie di “ricerca” quando in altre momenti sarebbe stato lui “ricercato”? Cretino come se la fotografia, anche con iPhone, fosse click e clik cucù settè. Idiozie d’idiota bue crasso analfabeta di andata, figurasi il ritorno!
Editing va che alla fin fine è “forma” di montaggio prima di andare in onda, oops On Air che a dirla tutta forse è più corretto, considerato che i contenuti, ecco, poi per l'aere maligno viaggiano in formato binario sulle frequenza del Maligno 5G: tutto si tiene, però l'incubo di ore al computer non è che agli inizi del giorno, manco a dire la cantava Peppino di Capri (siamo di bocca buona nazional-popolare Anni Sessanta) “Ce vo' tiempo ce vo' tiempo pe' fa' juorno'”. Editing eh, ma che bella parola!

Sessantotto e dintorni...figli di fiori (ma non troppo)




Siamo l’unico studio fotografico cittadino che ha, tramite giornalista, la vetrina sulla Main street che espone fatti di cronaca in tutte le sue variazioni tonali, e bianconero. E mentre si è in momento di pausa con, a latere, il Baffo patron del laboratorio chi scrive l’amico di infanzia Diego e Luciano, gran figlio di…che ha un aspetto serpiforme e viscido (di nome e di fatto) eccoti sopravvenire Gabriele, no l’Arcangelo, ma un fotografo Beat Generation che di cognome fa Agamamennone!
Insomma, e siamo in pieno inverno con neve, il figlio dei fiori che calza scarpe da ginnastica e tiene in spalla una Canon Ftb e portafiltri Kokak che la rende ancor più enorme, tiene in mano una bottiglia. E direte tutto qua? No è che è di Ace, si, la candeggina. Vuota certo ma come questuante chiede di riempirla di bagno.
Ora per quelli che manco sanno come si chiamano, spieghiamo che per bagno s’intende, e parliamo di bianconero, dello sviluppo usato per la stampe del cartoncino fotografico trattato in camera oscura.
E meno male che c’è Luciano che conosce Gabriele (che di nome fa sempre Agamennone, sì, come il greco dell’Iliade, ma qui a queste latitudini) mi chiede di riempirgli il bidoncino. E’ inutile dire che il Baffo si strofina pollice ed indice nella posa cash, ma con Luciano presente la cosa finisce lì; anzi “pagherà la prossima volta” una saetta uno sguardo in tralice alla volta del patron che, adesso, guarda altrove

Man


Ps. Il bagno di sviluppo che preparo, sono l’addetto alla chimica del laboratorio e nessuno fiata, è più simile ad un rimedio omeopatico, qui diluito alla miliardesima volta e da decenni sempre quello, se dò conto al Baffo. Invece tutte le mattina prima della seduta (resto in piedi per ore ed ore) di stampa cosiddetta penso a rigenerare abbondantemente il bagno di sviluppo. Questo il Baffo, vedessi la di lui moglie Rachele (come la moglie di Mussolini) sposata perché proprietaria, che fa aggio su la sua bruttezza di megera,insomma di quei quadretti alla Totò & Peppino nella Banda del torchio, che vorrebbe lo sviluppo eterno: alla cassa prego!

Pss. Il portafiltri Kodak in plastica di colore grigio chiaro, era l’equivalente odierno Cokin oppure Lee e compagnia cantando, solo che mentre quest’ultimi hanno filtri in vetro o di plastica dura, il Kodak che si serrava a qualsiasi obiettivo con viti esterne, sempre in plastica, usava gelatine o fogli sottilissimi a mo’ di filtro: tanto per il bianconero che per il colore, nel caso i famosi Wratten di correzione (blu/ambra) che capriolando su la temperatura colore (gradi Kelvin) se avevi in macchina colore daylight in macchina e dovevi fotografare con i faretti (i flash da studio Bowes verranno dopo che costavano già un capitale all’epoca) mica usavi, ed erano in produzione i film luce artificiale ma usati dai milanesi, le Tungsten, no. Ci azzeccavi il filtro ambra equivalente e te la cavavi. Oggi fa ridere la cosa, infatti su una qualsiasi digitale puoi scegliere il Preset adatto alla luce, o variare la “sensibilità”. E’ tutto dannatamente più semplice, quanto al fatto che se tutto questo impatta e come sul “fare” fotografia è danatissima Vexata quaestio, e qui non è il caso. Comunque fatevi un giro per Internet e da mettere mano nei capelli, anzi ci sono firme blasonate poi…non vi dico che, fatti vecchi, pensano di scimmiottare i giovani giocando con l’iPhone o Android che dir si voglia!
search
pages
Link
https://www.manunzio.it/diary-d

Share link on
CLOSE
loading