Manunzio



La fotografia è "mia" e la gestisco come me pare

Ci ripetiamo vabbene però è innegabile che il destro offerto è quotidiano. E se n’è già detto e ridetto: il Kapitale, scriviamo con la kappa quale killer in ogni accezione, non gli frega nulla e di niente e delle regole, essendo nella sua testolina illuminata la parola Deus: avete mai visto che debba chiedersi a “dio”? La sifilide arrivata al cervello di costoro scambia lucciole per lanterne: immagine di menti malate, e qualcuno lamenta del corrente immaginifico coronarico. Poi non la si fa ai fotografi, suvvia, per niente prezzolati.
Instagram Facebook & Co. Nel momento in cui qualche “sprovveduto” narciso mette una qualsiasi immagine, zacchete pare automaticamente regalata per la giostra degli acquisti. Circolo pericolosamente ritorcente che alla fine si paga: Kapitale o meno che sia. Già ma come ve lo immaginate il K quello vero nascosto dietro le quinte? Uno squamato essere maligno con bel palco di corne, brava la signora moglie, e decisamente rivoltante extra dimensionale se tanto mi dà tanto.
E nel tornare seri meraviglia il fatto di come Volvo “giri” male la cosa manco fosse un brand de noaltri !che ricorre a mezzucci del genere in epigrafe!

Digital Era



Kapitalismus finale (ogni giorno che passa)

Questa volta a farne le “spese” è nientemeno che una ancella del National Geographic, sotto forma di sharing di fotografie che fa felice la giostra degli acquisti, lo ripetiamo un giorno sì e l’altro pure, grazie all’infaticabile Cia&Mossad per il controllo planetario; forse a salve poiché ogni giorno che passa qualcuno degli umanoidi ritorna in vita (?!) alla “They live” di Carpenter. Ciò non di meno è palese altresì la saturazione, anche in questo, del cosiddetto Mercato: la strada è ancora lunga però mai dire mai. E anche per oggi finiamo qui e alla prossima paisà che niente è immortale sotto sti cieli…luciferini!
National Geographic


Man fotografo dal 1969



Senza regole, Allah Akbar

Il Kapitale (kappa kome killer) non vuole manco vedé la sua ombra figurarsi l’altrui. E’ proprio vero che il Kapitale si auto divora, immaginandosi una quale forma di Iddio: di carta va da sé. Nel caso qui di specie l’ennesima truffa dei telefonini che scattano, però, come una Dsrl…Storie già viste e lette soprattutto. Ora è il caso di OnePlus spacciare telefonate fotografiche per digitali ma che sono prese con normalissime Dsrl. Ma se questo è trovarsi a “fotografare” lo stesso soggetto spacciandolo per proprio: come dire il digitale con la sua “firma” va bel aldilà, ecco, di possibili e sfrenata fantasia. Siamo alla fine senza se e senza ma. Povera Terra…e noi con essa che del Kapitale ce ne siam sempre fregati, altrimenti staremmo a Milano tra amici degli amici (da bere?) e con allure davanti a coniglietti ignari e freschi freschi, aprire e chiudere portfolio con ghigno malcelato su la fronte…Quando si dice la “cultura” a metro quadro una volta, mo’ dai Discount sempre milanesi paisà! A dimostrazione del paesello Italia mano ad avventurieri “ruffiane zoccole papponi ed infamoni…” ok da Don Raffé di Faber, che Iddio l’abbia in gloria

Man Can’t Explain Why Prize-Winning Photo is Identical to Another Photog’s


Man fotografo sin dal 1969


Ps. Per quelli di cultura a metro quadro o a kilo converrà farsi male le meningi (?!) e provarsi a leggere W. Benjamin “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” tanto per assaggino
Wikipedia (da usare sempre con le molle)

La fotografia come oggetto teorico Un approfondimento
search
pages
Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading