Manunzio


Olympus Camedia 5060 Wz (point&shoot come quella usate da Alex Majoli della Magnum Agency) Iso 80 1/30 a f 8.0. Luce naturale di finestra di primo mattino invernale, dura e contrastata al punto giusto, tazzina di caffè non ancora ultimato e il "manico" di Manunzio nel riprendere la scena: scusate se è poco!


Nun ce scassat' 'o cazz'

Interno, sole aspro all’orizzonte che irrompe dalla finestra. Inverno. Domenica: con la tazzina di caffè che vi siete preparati entrate nel soggiorno, e dopo aver dato lo sguardo solito al di là dai vetri poggiate la tazzina di caffè non ancora finito: un attimo. Inquadratura dell’occhio e la mano che afferra la digitale che portate nello zaino. Qualche scatto per “assaporare” per intero la scena. Poi con calma a Pshop Elements non “professionale” ma che esegue magnificamente bene gli stessi comandi della versione “Pro” dei sedicenti professionisti, a salve lavora l’immagine. Come al solito, parentesi, è tutta una questione di pro-forma che fa sì che una foto acquisti, sic et simpliciter, l’aura di “professionale” solo con Adobe XYZ casomai pure cloud! Chiusa parentesi.
In Elements, grazie anche a Tonality per Mac: computer per professionisti e per antonomasia: e mo’ che volemo fa? Plug in che conferisce quella “carica” che si vede ad immagine.
Fine prima parte. Inizio secondo tempo ché l’immagine è stata “premiata” a Web dal taste Yankee in primis, che dimostra oltre ogni ragionevole dubbio a telecomando che la foto è “universale”: se la capiscono gli ameri + cani…
Siché come si fa la conta dei minchiapixel sempre più visti a smartphone per la piu’ bella foto del reame? Quale full frame serve? La mezzo formato è decisamente meglio, e se sì: Fuji Leica Pentax o noblesse oblige Hasselblad naturalmente tetheringata tanto figa su Capture di PhaseOne “professionale”? Quale versione “professionale” di Pshop serve? Quale Raw per falliti che tanto poi ci pensa Pshop e/o Lightroom? E nel caso di questi (la nostra è una tosta e vetusta 5.5) quali sliders sono usati e certificati da influencer a pagamento retrostante? E la luce, e il diaframma, e le fesse (anatomia femminile e qui lo slang certifica un moto di discreta ira) delle vostre mamme, no? Ma nun ce scassate ‘o cazz’…prezzolati d’accatto a libro paga per la giostra degli acquisti!

Man fotografo sin dal 1969

Ps. L’immagine è la prova N di come si può dare scacco matto al “supermarket” planetario del pensiero Unico a nome Getty Images et simila, venditrice nientemeno che di banane/immagini caramellate Yankee style da usare per l’abbisogna anatomica retrostante di creativi del Terraqueo:“Lasciate che i morti seppelliscano i morti” Lc 9, 60

Pss. I "pro" mica vanno su siti di sharing photo, no certo ma usano le loro paginettine su Facebook per verificare quanti "fallowers" seguono: casomai i numeri non son proprio quelli come se ne legge da mane a sera proprio a Web. Niente di nuovo sotto il cielo del "market" e della giostra per gli acquisti. Viceversa chi non ha reticenza alcuna, senza visto di categoria a pagamento, ecco, posta per verificare quanto ampiamente già si conosce, e detto poco sopra; della capacità di universalizzare tanta parte degli scatti su rigorose point&shoot Olympus, come pure su E1 E3 E510...

Donne di carta, forse




Fotogrammi di vita che per sortilegio e della fotografia cattura, meglio “arrubba” l’anima. Senonché a volte e non sempre, appunto, il sortilegio è talmente grande che ci si perde. E la cosa non è priva di conseguenze: manca parola se non anche il respiro, mica metaforico.
E sono proprio quei fotogrammi in bianconero (!) e diciamo d’antan che generano, de facto, il cortocircuito. Ritratti e femminili: vedete già il suono femminile è altra cosa del “sinonimo” donna?
Volti femminili che in un dato contesto storico rimandano malie, sprizzano d’una gioia di vivere inconosciute alle “omologhe” odierne, cui riso per esempio ha sempre un retrogusto di acre forsanche funebre che riflette l’odierno.
E dove trae quella sana energia d’antan? Le si osservi bene poi gli occhi su la parte anatomica per antonomasia, quella retrostante per un’altra volta. Bene fissate sguardo e da lì a ritoso, come una zoomata ad allargare, avrete immediata risposta: fertilità, non c’è altro termine. E non sembri una boutade maschilista. Ora provatevi a fare la stessa osservazione con un moderno ritratto, donne sicuramente più accattivanti, e non andiamo oltre, eppure proprio lì tutto sembra si fermi su qualcosa di mercenario, penetrante, cui donne maneggiano magistralmente sin dalla notte dei tempi…
Fate così, allora, mette a paragone, ecco, qui l’immagine muliebre solare (fertile) di una volta e accostatela ad una gnocca odierna. Girateci su per un po’ distogliendo lo sguardo, poi non vi sarà difficile dar ragione a quanto detto specie se lo scontro è fra b&w vs colore.
Se poi andate a leggere le pagine del “nemico” una pletora di fanzninate, ne leggerete di inaspettate, vale a dire che proprio della fertilità (categoria dello spirito ancor primo che anatomico) va via prima ancora del corso naturale della cose; angoscia che è quasi un grido, sempre del “nemico”. Significa? Che le donne traggono immagine proprio da lì, così come l’omologo uomo.
Vabbene il discorso si fa scivoloso e di luoghi comuni del politically (in)correct con il vocione del Nuovo Ordine Mondiale (questo è) che si materializza in forma di serpente. Già proprio lui, viscido come sempre…come cantava la Rettore, alludendo a quello dell’uomo che sta proprio lì nel mezzo. E non ci siamo capiti…paisà! L'ultima volta che le femmine si sono fidate e basta guaradere l'odierna misandria, forse non a torto

Man

Bellezze al bagno
search
pages
Link
https://www.manunzio.it/diary-d

Share link on
CLOSE
loading