search

pages

Microcosmo



Abstract
I think isn’t necessary travle around the world’s for shoot a mood photography, twhen hen all subjects imaginable is possible recrate, in own town and territory where living evedy day. Seems a paradox but for who has an inside vision, firstly, is possible shoot many images like living in America, China, and any lterritory whitout moving from the city where you live every daily


Così un post di qualche giorno fa. In buona misura abbiamo elevato a paradigma universale le visuali, oggetti e quant’altro, della nostra modesta città del Sud e dintorni a palcoscenico mondiale: che parolona.
Presunzione o cosa? A dir vero né l’un e né l’altro, casomai, un affinamento della vista (da oltre cinquant’anni di pratica) ove una qualsivoglia veduta si presenti o meglio costruiamo già nella capoccia, grande piccola e mezzana (media) lo facciamo diventare un “universale” capibile da tutti: quei che voglio capire!
E le sperimentazioni in tal senso su diverse, cosiddette, piattaforme compreso sharing and furting my images (!) corrobora appieno il fatto che non c’è assoluta necessità, mettiamo, di “fotografare dal vivo” in Amerika (k kome killer) in China…Naturalmente non si parla di Muraglia o Golden Gate, ma la cosiddetta “aria” americana o da metropoli europea, eh avessi voglia…come quel autobus tipicamente londinese che è una falsa ambientazione sul Tamigi innevato!
Come dite? Ahh ma allora siete proprio fessi con il cuore: no, non avete capito. Niente trucchi tridimensionali o levatacce PShop. No. Microcosmo c’est tres chic.
D’altronde era la Scimè a ricordarci che si sa vedere con il cuore (fegato polmoni …) riesce a trasmettere - manco fossimo una radio – a gli atri, forse spectator alla Roland Barthes, visioni cui dànno credito. Che fatica scrivere…

Man

Getty Images Agency

Ps. Il link è la “fotografia” esatta e puntuale di quanto poco sopra detto

Biscottino filosofico



The soul never thinks without a picture
Aristotle



Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l'asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v'è pace nel cuore dell'uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c'è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?

Salvatore Quasimodo

Uno nessuno e centomila



Abstract
Sometimes images “speaking” like the posters in front me while I walk route (I think my town a bit microcosm but I will wrote later). So advertising: the first is a tiny chocolate (young black woman) happy and smiling she burst with enjoy. Second poster a Nordic woman out females essence with an ear of wheat (symbol of life) in hand and the eyes expressionless: a subtle mind no word


Luoghi & abusi, si a volte le immagini valgono molte parole, come il cartello che mi scorre davanti mentre cammino a piedi e qui sotto casa (sorta di microcosmo poi un'altra volta ne diremo e mostremo) con due donne manifeste: una cioccolatina festante che sprizza dai pori la fertilità sottesa, e l'altra nordica spenta come essenza del femmineo. E con una spiga di grano (vita) in mano davanti gli occhi da rigor mortis, decisamente reclinate: per chi intende

Anime


Abstract
soul entity like Sudek, a photographer go trough time and space and yet leave an aura for others, certain human people, that manage to capture the beauty of everyday "banality". Poetry? Perhaps but daily life makes of the "prose poetry" and reach the end of rope



Non c’è altro per certe presenze umane, Sudek fotografo della Repubblica Ceca, che attraversano il tempo e lo spazio e pur lasciano una scia per altre che ne riescono a captare nelle sue fotografie il bello nella “banalità” quotidiana. Troppa poesia? Forse, ma in un universo quotidiano che fa della prosa pure la “poesia” dall’ineffabile scatolotto televisivo o da “menti raffinate” dai social - controllati da Cia&Mossad: Facebook docet – che dire ancora…
Sudek chi l’avrebbe mai detto? Uno scricchiolo con una sola ala: provatevi così a volare su le umane miserie. Malaria e non altrimenti respirano i fotografi, quelli dallo sguardo oltre i consigli per gli acquisti.
Sudek dalle immagini siderali che spesso tolgono, deviandone il battito, respiro “inquadrando” le banalità quotidiane. Banalità, eh già…


The Intimate World of Josef Sudek

Man


Non se ne può più


Abstract

all nights and daylight the “news” speaking of violence, sex violence. Victim women, but backstage make manipulation the brodcast television and news papers, they say a same strategy of “subtle intellect” to wash brain of spectators

Una volta i giornali e il rosa shocking del Sole24 Ore, per le quotazioni in Borsa. Poi i computer, e sia. Ora se vi capita e distratti d’accendere un televisore, e su qualsiasi canale: zacchete. Lo stupro e di donne va da sé, che quello sui maschietti. Vabbene può essere un piacere...E però qui si parla di altro!
Violenza alle donne, dunque? E vabbene pure questa, ma se sono le Femen? Un po’ duro per loro anche perché la danno ai Servizi: solita Cia&Mossad. Strauss Khan chi lo ricorda più, accusato di molestie al gentil sesso in albergo, solo che la “donna” era del Mossad, appunto? E dopo di lui è arrivata Christine Madeleine Odette Lagarde …basta e avanza per chi ha orecchie, forse, non certo a spartir la testa
Cui prodest? E ci vuol poco, no: ci sono le elezioni in giro, gente! E la Brambilla della “lega” animali, no? A latere, ma non troppo, pari strategia per accalappiare il teledipendente.
Tuttavia è un coltello a doppia lama per le “menti raffinatissime” ché se lo scopo, violenza, era si incanalare le preferenze a questo o quel partito, sorta di voto di scambio, ma dietro c’è l’assuefazione. Ahi per il teatrino e teledipendenti.
Infine qualcuno ricorda la Jolie & Brad Pitt: una ditta una famiglia. Filavano d’amore e d’accordo pur filantropi, la separazione poi perché “lui” era lo stuprator, cortese sì, ma domestico. Ahi brutta cosa: ma che posizione aveva la signora se non se n’era accorta prima? Adesso la volta delle donne “cacciatrici” di palle di giocatori: vuoi mettere. Il giorno seguente, zacchete, e sui cosiddetti social aridaje: lui è uno stupratore un maschio molesto. Dr. Jekyll and Mr. Hyde. Ahhh ditemi ma si può…

Luca Barbarossa

Man

Ps. Ma la “signora”Jolie non si è rimessa e con il molestatore Brad Pitt? Vabbene il copione, vabbene la soap opera...e vedere l'effetto sulla auidience, diavolo di un markketing che refuso non è

Niente sesso siamo...statali



Abstract
like “Not sex we are English” the italian comediant woman minister Madia, as magician's hat say the state employee: if you only think the sex to female colleague, will lay off immediately, and all terrestrial brodacast and news paper, forthwith trasmitt notice for all people on Earth


Parafrasando che la Madia (ministro non il mobile rustico) dall’apparenza mite, benché sia de facto una serpe, dev’essersi ricordato che proprio di questi giorni e dell’anno passato, il flop Referendum. Infatti per assicurarsi il bacino aveva detto agli statali - vil razza a sentire i frequentatori bar sport come il di Majo ridens e Dibbatista stellato - o meglio in voto di scambio il denaro del rinnovo contrattuale e fermo oramai da quasi un decennio grazie anche Cgil Cisl Uil: qua il voto e qua il rinnovo, forse.
Siché la ministra dev’essersi segnato al ditalino il mancato appoggio, insieme a Bank’Etruria Boschi e lo stesso Fiorentino, per il flop referendario. E ora dal cilindro e sotto le feste (conciare per feste?) la Madia che ti fa: alé ne tira un’altra di sua mano (sega, fregatura?) agli statali, che hanno nel Dna il non far niente, così profetizzato a bar sport pieno di politici-magistrati-mafiosi tout court. Si statali che al massimo passano il bandage quotidiano da pecoroni nell’immaginario Tg5 et simila, e pure inferociti, o meglio ingrifati di sesso e molesto (?!) nei confronti (solo?) delle colleghe: e non c'era già lo antu stalking? Un’altra trovata, o il precedente giuridico per altri casi a venire, per licenziare, e aprire altre porte a Sion.
Vien da ridere ché ci han insegnato a scuola, il buon Fedro: il lupo che dall’alto incolpa il sottostante agnellino di inquinargli l’acqua…prima dell’azzanno pretestuoso. Distrazione di massa per teledipendenti: oh e contro qualcuno si deve pur prender mira…

Man

Ps. Tra il sesso anche la boutade dei “regali” a casus belli per licenziare. E se è per questo, a parte le stesse norme, non per dirigenti va da sé bensì dei semplici impiegati, richiamate da almeno vent’anni nel disciplinare contrattuale degli impiegati dello Stato; allora da Mattarella in giù non c’è che l’imbarazzo della scelta. A rigor di logica a leggere giornali, fanzine, televisioni…E poi le mazzette pdirigenziali er oliare questo e quello, alla Roma Kapitale per capirsi, come vanno conteggiate, letteralmente?

Fotografi



Photo © Steve McCurry

Abstract
the Italian Broadcast Television (Rai) in documentary of Steve McCurry speak, and shows his magnificent photos, a great photographer of XX Century

la fotografia è non certo da oggi “bene di consumo” che si può declinare in ogni modo ognuno voglia e con tanto di distinguo. E qui la benemerita Rai, finalmente, ha dato alle onde hertziane, un che di buono e da vedere assolutamente: intanto perché il McCurry del filmato è quello famoso, e non solo, del volto magnetico della ragazza afgana, e se ne parla nel video, ma per il fatto che ci si trova difronte a fotografie di certo “grazia”, e di questi tempi poi...

Rai McCury

Man



Hollywood party



Abstract
speaking of the actress Sofia Loren or metaphor of star system by Hollywood, of how to do so-called career accepting every sexual "performance" to achieve the purpose: fame, honor and money. Except to flaunt later on the so-called, perhaps supposed, abuses suffered


A volte sono le cose più semplici a scatenare la catena delle connessioni, poiché tutto si tiene. Immagini di quelle che affiorano dal database della memoria: una trasmissione televisiva con una diva italiana a nome Sofì, nome che è un brand.
Trasmissione televisiva in cui la nostra (!?) all’apparire di una sua immagine a torso nudo, più dell’imbarazzo televisivo (ne uscì un putiferio e pare che vertici Rai fecero voce grossa con Pippo Baudo e Bruno Vespa marpioni in veste d’intrattenitori l’incontro) se ne usci, e non altrimenti, candida: “Sono foto alla francese, e poi perché al contrario non mi avrebbero fatto lavorare”.
Siché quando tempo addietro è scoppiato uno scandalo, non a caso hollywoodiano, le tante Sofì (nome quale pretesto) americane e non, che hanno accettato e bel altro che semplici pose, levarono gli scudi le “donne” contro l’infamia maschile. Immagine (!?) deturpata. E sia ma a scoppio ritardato (anni & lustri) e in luce, ce ne fosse bisogno, ciò che è lo star system, che le “donne” non vogliono si sappia. Troppo brave dimentiche dell’imperativo: Do ut des. O meglio se Pecunia non olet, allora…Ciak si gira: immagini

Fonte Rai

Man


Derive...


Photo © Michele Annunziata


Abstract
a my photo on web, from old site, an unexspected surprise during my searcing on Google: image appears on Pinterst and user mark it as “image of inspiration”.
Backstage. In my town, a place as many others on Earth, a day I have selected during the shooting an moment of lifestyle, I would never imagined that a user later then mark it as that it "emotional".


"Deriva s. f. [dal fr. dérive; v. derivare]. – 1. Trascinamento, da parte di una massa fluida in movimento, di un corpo galleggiante o immerso in essa, rispetto a una superficie fissa (fondo marino, superficie terrestre). Con sign. specifici: a. D. marina, d. aerea, rispettivamente, lo scostamento dalla sua rotta di un natante per opera delle correnti marine e di un aeromobile per opera di correnti atmosferiche. Andare alla d., di galleggiante abbandonato alle forze dei venti e delle correnti; fig., nell’uso com., con riferimento a persona, abbandonarsi al corso degli eventi, cedere, senza capacità di reazione, a una sorte infelice."

Qui nell’accezione plurale, e nel senso di navigazione. Proprio così, o di quei arcani che ti fan imbattere in una foto, che avete dimenticato, e parte del vecchio sito.
Un uomo e suo cane dietro su muro una finestra, rimaneggiata con texture. Effettaccio oggi, col senno di poi: ma tant’è.
E sorprende che qualcuno, segnando l’immagine, ne trae motivo di “ispirazione”: che dire?

Pinterest Photo

Man


Ps. Nudo e crudo la sintesi poco sopra e da Treccani. E tuttavia già da un paio di anni, una sorta di prova del nove esponenziale, su uno dei tanti siti fotografici, le immagini postate ricevono attenzione, statistica alla buona, da ogni parte del Mondo cosiddetto e con prevalenza, certo, Europa del Nord. E, quasi contraddizione, qualche lusinghiero commento, più degli uomini sono le donne. La qualcosa ci insospettisce, e non poco, nutrendo nei confronti del “gentil sesso” tutt’altro che rose e fiori, su un piano che non ha niente a che vedere (e sparte) con il letto psicanalitico. Per chi intende

Routine



Photo © Michele Annunziata


Abstract
living in a city or small town concern only squared numbers of surface. Daily coaction “lifestyle” for all inhabitant for usual brainwash from brodcast television, mobile or screen computer, that dictates human behavior. Coded habits. Routine.
Like when a bus, and you're also there, the driver not paying attention, change as a robot the usual journey. Except for the fact the driver, go back. as nothing had happened


Muoversi in una città, che sia grande o piccola non ha differenza se non nella modalità del tempo, con mezzi pubblici è l’incontro quotidiano con varia umanità, e ben diversa dallo streaming inscatolato la tivù domestica, più ancora su monitor mobile o stanziale.
Abitudine e forma mentis, indotta da comportamenti studiati a tavolino nottetempo, da menti raffinatissime direbbe ancora Falcone&Borsellino.Innesco oltre la catena esistenziale, fordista d’un tempo. Coazione, ripetizione, a scala urbana diversificata per numeri. Null’altro.
Ecco, numeri. Vite sovranumerararie c’è chi dice, malthusianamente, come quando l’autobus quotidiano, cui pure fate parte per scelta lasciata com’è per sempre macchina e patente con altri numeri, compie un giro diverso dal solito tragitto: il coro da tragedia, certo non greca, d’operai-impiegati-studenti richiama al “solito” tragitto il distratto insonnolito e assente, che pare ossimoro, autista, il quale come niente al primo cantone svolta e ritorna sui propri passi: perduti.


Man

Hurray...


Photo © Michele Annunziata

Più simbolo di così (un netturbino alle prese con i “cocci” di sansilvestro il giorno del primo gennaio di alcuni anni fa) il fotogramma di ciò che è stato il “vecchio” Diary ed il nuovo. Un reset o più ancora la linea di demarcazione, del prima e quello che ci attende.

A perfect image (a street cleaner and fragments of New Year's Eve, above shoot the day of January 1 a few years ago) what was the "old" Diary and the new. A reset or a dividing line of past to present


Eccoci di nuovo. Quasi un anno sabbatico errante a provar questo e quello, e due mesi folli tra Luglio ed Agosto a riprendere per un progetto che avevo in mente da tanti anni e che poi pubblicherò in linea.
E in tutto questo l'abbandono della Olympus C 5060 Wz, che ha mai sgarrato una, e la C 8080 spegnendosi, letteralmente, un sabato novembrino, umido e però come desideravo. Ma ecco il rincalzo alla E1 Forever (la trovate a cartiglio, non a caso, nell'About me) affiancata, una E3 cui brandeggio è piacevolmente positivo, ed un'altra la Olympus E 510 con pari live view. Insomma un buon upgrade, diciamo così, del lascito Camedia...E ci si trova a meraviglia

Man

search

pages

loading